Lessini Durello Doc Metodo Classico: unico ed esclusivo

Letto 643 Email
Quando ci si approccia ad un Metodo Classico abbiamo tutti delle aspettative un po’ alte. Ci affascina conoscere l’annata di vendemmia nel caso dei millesimati e ricerchiamo il maggior numero di anni di affinamento in bottiglia sulle fecce nobili.
 
Da un metodo Classico ci aspettiamo delle piacevoli note di panificazione, di crosta di pane e, nei migliori dei casi, fragranze che ricordano la pasticceria.
Nel caso del Durello Spumante Metodo Classico, tutto ciò che è riposto nelle aspettative più comuni va “rivisto”.

Un vitigno “magico” derivante da un territorio di origine vulcanica che, sotto i riflettori di una rifermentazione in bottiglia, definisce un stile unico e rappresentativo.

La masterclass condotta magistralmente da Chiara Mattiello durante la manifestazione SpumantItalia, ha permesso ai partecipanti di ampliare le linee guida di approccio al Metodo Classico.

Nove cantine presentate:

Cantina di Soave “Settecento33 Lessini Durello DOC Riserva Metodo Classico”
Casa Cecchin “Nostrum Lessini Durello Metodo Classico Millesimato 2015”
Dal Maso “Metodo Classico Durello Lessini DOC Riserva Pas Dosé 2015”



Corte Moschina “Durello Metodo Classico 2014”
Gianni Tessari “Lessini Durello Brut Metodo Classico 36 Mesi”
Fattori “Roncà Durello Metodo Classico 36 mesi”



Sacramundi “Metodo Classico Riserva 36 mesi”
Fongaro “Brut Metodo Classico 2013, 100% Durella 89 mesi”
Sandro De Bruno “Lessini Durello DOC Metodo Classico Extra Brut 2010”



La base gustativa ricorda a grandi linee gli Champagne del comprensorio di Reims, con un’acidità pressappoco fendente che costituisce il filo conduttore tra tutti. Ciò che incanta è l’aspetto olfattivo. Emergono note che ricordano la pietra focaia, sentori fumé, percezioni sulfuree e richiami a sfumature di cherosene, tipiche del territorio vulcanico. Grande stile in tutte le componenti.

Nelle vesti del Consorzio di Tutela dello Spumante Lessini Durello DOC, Chiara Mattiello ci racconta del vitigno: la “Durella”, antica e rustica, dalla spiccata acidità e buccia particolarmente spessa e ricca di polifenoli, autoctono nelle alte vallate dei Monti Lessini, tra le province di Verona e Vicenza.

Il territorio di origine vulcanica realizza la grande magia del vitigno. La terra è composta da tufi e basalti, ricchi di ferro, magnesio e moltissimi micro-elementi che concedono poi al vino una spiccata sapidità.

Un comprensorio di circa 400 ettari, per il 30% nella provincia di Vicenza e per il 70% in provincia di Verona, di cui il 70% viene prodotto in Metodo Italiano (o Charmat) e il 30% in Metodo Classico.

Il Durello Spumante nasce da un uvaggio che prevede un minimo di 85% di uva Durella, con possibili aggiunte di Chardonnay, Garganega, Pinot Bianco e Pinot Nero.

Il 2020 sarà l’anno in cui il disciplinare di produzione subirà un’importante variazione per poter affermare, della stessa anima, i due metodi di produzione. In attesa di conferma, la denominazione “Lessini Durello DOC” sarà concessa alla rifermentazione in autoclave, mentre la denominazione “Monti Lessini DOC” sarà attribuita alla rifermentazione in bottiglia.

Enologicamente parlando sono state fatte scelte ben ponderate. Le basi spumanti non effettuano la fermentazione malolattica che andrebbe a scontrarsi con la notevole percezione fenolica delle uve. Acidità importanti e pH che varia tra i 2.8 e 3.0 formano la grande forza e longevità della bollicina.

La masterclass si conclude con la richiesta d’intervento del Presidente di Vinoway Italia Davide Gangi che, ricordando il suo affetto verso un territorio che reputa unico, apre ad una riflessione: “Pur essendo delle produzioni non completamente allineate tra loro, noto che nel territorio dei Monti Lessini si sta svolgendo un ottimo lavoro sulla rifermentazione in bottiglia e dobbiamo discostarci dalle popolari analogie del Metodo Classico che, nel caso della Durella, offre un’esclusività che può dare spunto a nuovi parametri di riferimento!”.                                                                            

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.