Log in

Il Fiano di Avellino di Ciro Picariello

Era l'anno 2006 quando bevvi la prima volta il Fiano di Avellino di Ciro Picariello. Mi colpirono la tagliente acidità e la schiettezza che si evidenziavano all' assaggio. Agli esordi la piccola cantina si avvaleva dei consigli enologici e agronomici di Carmine Valentino. Da qualche anno sono Ciro e sua moglie Rita (e anche il figlio Bruno, fresco laureato in enologia) che si occupano degli aspetti tecnici, e i vini sono sempre incredibilmente interessanti.
  • 0

I migliori vini annata 2016 della Chianti Classico Collection 2018

E’ la 25esima edizione della Chianti Classico Collection quella che si è svolta alla Stazione Leopolda di Firenze il 12 ed il 13 febbraio 2018, l’anteprima ha visto la partecipazione di ben 186 aziende con 659 etichette in degustazione per 250 giornalisti italiani e stranieri.
  • 0

Taurino, Filifilori: di padre in figlio

Col vostro permesso, in punta di piedi, mi affaccio un momento nel mondo enoico, ma solo perché non posso evitarlo soprattutto dal punto di vista emozionale.
  • 0

Ristorante Al Metrò: una scommessa vinta

Tutto ha inizio nel 1999, quando i due fratelli Fossaceca (Antonio, 27anni, e Nicola, di appena 16) decidono di rilevare la pasticceria paterna e di trasformarla in uno dei tantissimi ristorantini, difficilmente distinguibili l’uno dall’altro, che affollano le località costiere di tutta Italia: spaghetti ai frutti di mare, frittura mista, grigliata di pesce e via andare.
  • 0

Riserva Dornach: l'Alto Adige secondo Patrick Uccelli

Conoscere Patrick credo sia un’esperienza profonda, come i suoi vini, sotto la veste allegra e scherzosa di un giovane produttore altoatesino, si cela uno spirito profondo legato alla vite e alla natura, che nutre il suo spirito studiando ció che l'ecosistema di questa parte d'Italia gli offre, il tutto senza sforzandosi di modificare il corso naturale delle cose.
  • 0

Le Guaite di Noemi: il connubio perfetto tra tradizione e gioventù

Nella parte più alta delle colline di Mezzane di Sotto, a 500 metri sul livello del mare, circondata dal ventaglio di vallate della Valpolicella, storico territorio a soli 10 minuti a Est di Verona, incorniciato tra i Monti Lessini e il Lago di Garda, nasce la preziosa storia de Le Guaite di Noemi.
  • 0

Ageno: l'avvocato in verticale

Rivergaro, Val Trebbiola... una piccola valle dorata, di sol inondata, sita ed incompresa conca, ai fianchi solcata, dal torrente Trebbia e dal torrente Nure. Le rispettive valli, profonde, dai profili mai troppo aspri, possiedono una dolce e delicata progressione montuosa.
  • 0

Annata 2001: Odissea nella Puglia che non ti aspetti

Mentre la vecchiaia ci spaventa, la longevità ci affascina. Non proviamo forse ammirazione per quelle persone che varcano la soglia dei 90 e persino dei 100 anni mantenendo invidiabili integrità mentale, creatività, salute fisica e capacità di vita autonoma?
  • 1

SUD di Tenuta Bastonaca: il Nero d'Avola incontra Grenache e Tannat

Cuore e mente proiettati al futuro, affondando salde radici nella tradizione: è in questa frase che sta racchiusa la filosofia di Tenuta Bastonaca, azienda vitivinicola sita nell’omonima contrada nel ragusano, guidata con passione dalla frizzantissima Silvana Raniolo nonché dal marito Giovanni Calcaterra, dalla lunga esperienza nel campo viticolo.  
  • 0

Cos'è il Sabbie di Sopra il Bosco?

Tra le colline del Casertano, nelle terre del Volturno sul versante che guarda il Monte Taburno, si produce uno dei grandi vini italiani: il Sabbie di Sopra il Bosco di Nanni Copè, un vino che racchiude "una vita, tante vite", come riportato sul fronte dell'etichetta.
  • 0
Sottoscrivi questo feed RSS