La Puglia ed i suoi vincitori dei Premi Emergente Chef, Emergente Pizza ed Emergente Sala

Letto 529 Email
Si è concluso in bellezza, mercoledì 17 aprile a Lecce nella dimora quattrocentesca Torre del Parco, FoodExp · food life experience, l’evento dedicato alla ristorazione, alla cucina e all’hospitality d’autore, da quest’anno collegato ad un tema e messaggio essenziale: i #FoodChangers, i luoghi e i cuochi che cambiano il mondo.

Sul palco principale, si sono avvicendati dibattiti, show cooking, esibizioni ma soprattutto racconti che hanno fatto scoprire, conoscere ed emozionare. I racconti, quelli di Aimo Moroni (Il Luogo di Aimo e Nadia, Milano), Corrado Assenza (Caffè Sicilia, Noto - Siracusa), Franco Pepe (Pepe in grani, Caiazzo), Josko Gravner (Gravner vini, Oslavia - Gorizia), Vincenzo Donatiello (Piazza Duomo, Alba - Cuneo), Valentino Palmisano (Vespasia di Palazzo Seneca, Norcia - Perugia), e tanti altri, hanno catturato l’attenzione e fatto riflettere il pubblico.

Lo stesso palco ha ospitato i giovani talenti della ristorazione pugliese, selezionati da Luigi Cremona in collaborazione con FoodExp, che hanno gareggiato per l’ambito premio Miglior Chef Emergente Puglia.

Le competizioni di Emergente Chef assieme a quelle di Emergente Pizza Chef si sono alternate nelle giornate di martedì 16 e mercoledì 17 aprile; entrambi i premi hanno visto la proclamazione di un vincitore assoluto che andrà direttamente a concorrere alla Finale Nazionale che si terrà il 28 ottobre a Roma.

Sul podio del Premio Emergente Chef Puglia è salito Emanuele Frisenda del ristorante Aqua di Le Dune Suite Hotel a Porto Cesareo (LE), che con le sue ricette: Teoria delle fave e cicorie "cotte in pignata" e “Palamita, asparagi e ristretto vegetale” ha convinto definitivamente il suo pubblico. Per il giovanissimo Chef leccese la tradizione è fondamentale: “non bisogna mai dimenticarsi da dove veniamo, ogni piatto ha dei ricordi sensoriali in cucina, senza di essi è come non avere una base in cucina. Bisogna cucinare sempre pensando a qualcuno “.

Per il tema del primo giorno, la tradizione, è stato premiato il venticinquenne Riccardo Losappio del ristorante Angelo Sabatelli a Putignano (BA), il quale ha fatto assaggiare alla giuria la sua versione del “Peperone Ripieno”; per il tema del giorno seguente, la creatività, il pubblico ha plaudito l’innovativo piatto “Royale di fegato di pecora, mandorle, pino e pigne” di Leonardo Caterino del White restaurant a Borgo Bianco resort & SPA a Polignano a Mare (BA).

Ed invece chi è stato il vincitore del fatidico Premio Emergente Pizza Puglia?

Direttamente da Molfetta in provincia di Bari, Gianluca Morea della pizzeria Torre Gavetone ha deliziato il pubblico con la sua presentazione della pizza “La triglia va in campagna" composta da una crema di broccolo, broccoli colorati, fiordilatte, triglia, peperone crusco, e polvere di tarallo. Due importanti menzioni sono state assegnate per il tema della tradizione, la pizza margherita, a Vito Manzari che lavorava alla pizzeria Vicé e per il tema della pizza creativa ad Angelo D'Amico di Spiriti Gourmet (LE) che ha proposto una pizza con chips di melanzane al grano arso, capocollo ubriaco trullocchiato, mozzarella, mousse di datterino giallo e basilico fresco.
 
In concomitanza con Emergente Chef Puglia ed Emergente Pizza Chef Puglia, nella giornata del 16 aprile, si è svolto il premio Emergente Sala dedicato ai profili junior della Sala, questo format ideato da Lorenza Vitali, vede aumentare anno dopo anno il numero dei giovani “rappresentati” delle tante realtà di ristorazione d’eccellenza. Il Premio di Emergente Sala è stato dedicato, in questa edizione pugliese, alla memoria di Gianni Marsella proprietario del ristorante La Cuccagna di Crispiano, personaggio stimato ed amato nel mondo della ristorazione.          
                                                
Le prove che hanno visto impegnati i giovani talenti della sala sono state: una prova teorica relativa all’individuazione di errori su una carta dei vini abbinata ad una prova pratica di degustazione di vini pugliesi e la rispettiva compilazione di una scheda di analisi sensoriale. A seguire c’è stata una prova di servizio all’interno del buffet organizzato da FoodExp, ai ragazzi sono stati assegnati alcuni stand di finger food di alcuni noti chef e altri stand di produttori locali, in questa manche tra il pubblico c’erano dei giurati che valutavano il comportamento in servizio e la capacità comunicativa dei concorrenti distinti da una coccarda numerata.

L’ultima prova ha previsto, il servizio durante la cena di gala di martedì sera, ogni concorrente aveva un tavolo assegnato, i commensali hanno espresso il proprio giudizio a termine della cena. Il vincitore che più di tutti è riuscito a convincere la giuria è stato Gianmarco Merazzi di Osteria degli Spiriti a Lecce che ritroveremo a Roma ad ottobre durante la Finale Nazionale assieme ai vincitori di Emergente Sala Nord qualificati a Merano lo scorso novembre: Giuseppe Laboragine maitre de Il Ristorante Del Cambio; Gabriele Bianchi che lavorava al Ristorante Marconi e Daniele Rinzivillo restaurant manager a Palazzo Matteotti. Altri candidati di Sala per il Sud e per il Centro Italia verranno selezionati rispettivamente durante i prossimi eventi di Witaly: il 20 e il 21 maggio a Castel dell’Ovo a Napoli in concomitanza con il Vitigno Italia e venerdì 31 maggio e sabato 1° giugno a Siena abbinato nell’occasione a Siena per una manifestazione di solidarietà alle zone terremotate del Centro Italia.

Comunicato Stampa

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.