Log in
Carlo Scatozza

Carlo Scatozza

Nato, vissuto e mai andato via da Caserta e la sua provincia, dirigente di un’agenzia di comunicazione e marketing, sono giornalista pubblicista e da 6 anni scrivo su Campaniaslow.it. Cicloturista in Mtb, trekker, sommelier Fisar, abbino o cerco di abbinare lavoro e passione con il bello ed il buono della nostra terra. Seguo la rinascita del vino nella Terra di Lavoro, senza perdere di vista il resto della Campania, come completamento eccezionale di un territorio agricolo ancora superbo e, oserei dire, necessario agli italiani tutti. Sono presidente regionale di un’associazione di Turismo Sostenibile e credo che con l’agricoltura di qualità e il turismo rurale si possano migliorare territori ed umanità.

 

Ad Aspettando Vinalia il Rating Falanghina del Sannio Dop 2017: qualità in grande crescita

Un grande onore l’aver potuto assistere al Rating della Falanghina del Sannio Dop 2017, svoltosi la mattina del 12 luglio  presso la confortevole sala assemblee della Coop vitivinicola la Guardiense a Guardia Sanframondi (BN). L’iniziativa è stata preparata e gestita da Sannio Consorzio  Tutela Vini,  Assoenologi Campania e da AIS Benevento, nella cornice dell’Anteprima dell’importante evento enoturistico Vinalia  che tocca quest’anno i 25 anni.
  • Pubblicato in eventi
  • 0

Vini Helix: due etichette per l’abbinamento con la Lumaca in cucina

Nel mondo della enologia, al termine “Helix”  si ricorda  un tappo di sughero a vite, ma da oggi entra anche nel mondo delle etichette, grazie all’inventiva e alla capacità di Giovanni Romano, uno dei più giovani ed affermati imprenditori del settore lumache in Italia con la sua azienda Parco Coclè , nonchè neopresidente nazionale della Confederazione Italiana Elicicoltori.

Vite Matta: l'azienda che mira all'emancipazione lavorativa in Campania

La fine dell’anno, si sa, è tempo di bollicine e in Campania è l’Asprinio a ritornare prepotentemente sulla tavola dei campani e non solo. Accanto ad aziende ormai affermate e protagoniste del mercato mondiale, troviamo anche piccole realtà, alcune delle quali sviluppatesi grazie al riutilizzo dei beni confiscati alle mafie.
Sottoscrivi questo feed RSS