Conferenza misura di distillazione: presentazione contratto entro il 7 luglio 2020

Letto 577 Email
Come già anticipato nei giorni scorsi, è terminata oggi la Conferenza Stato-Regioni relativa alle "Disposizioni nazionali di attuazione del regolamento delegato UE della Commissione per quanto riguarda la misura di distillazione".
 
L'idea nasce dal produttore pugliese Doni Coppi che proponeva, attraverso un video in esclusiva pubblicato da Vinoway, di tornare a produrre alcool dal vino. L'iniziativa era già stata "abbracciata" dall'On. Ubaldo Pagano e dal Presidente Mondiale degli Enologi Riccardo Cotarella.

Si ringrazia l'On. Boccia per aver affrontato questa delicata e importante situazione con celerità.

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome esprime l'intesa condizionata all'accoglimento dei seguenti emendamenti:

Art.4 Contratti di distillazione e domanda di aiuto

1. L’aiuto pari a 2,75 euro per % vol/hl alcole è corrisposto al Produttore, come definito dall’articolo 2, che ha consegnato per la distillazione vino non a denominazione di origine e non ad indicazione geografica.

2. Per richiedere l’aiuto, il produttore presenta ad Agea OP, con modalità telematica, il Contratto di distillazione non trasferibile, entro il 7 luglio 2020. Ogni produttore stipula al massimo due contratti di distillazione per i volumi di vino giacenti in cantina. A garanzia del corretto conferimento del vino da avviare alla distillazione il produttore dovrà presentare apposita garanzia fidejussoria. Il Contratto prevede l’impegno del Distillatore di trasformare il vino in alcool, avente almeno la gradazione di 92°, entro il 15 ottobre 2020.

3. Entro 5 giorni lavorativi dalla chiusura della presentazione dei Contratti di cui al comma 2, Agea comunica ai richiedenti la relativa approvazione.

4. Ove il volume globale del montegradi derivante dai Contratti approvati di cui al comma 3 superi il volume complessivo del montegradi derivante dalle risorse finanziarie assegnate alla misura, Agea procede alla relativa riduzione dei quantitativi dei Contratti presentati nel corso dell’ultimo giorno in cui si verifica tale superamento.

5. Le operazioni di consegna del vino in distilleria devono essere effettuate entro il 31 luglio 2020. Per ricevere l’aiuto di cui al comma 1, il beneficiario dovrà presentare la domanda di pagamento, in via telematica, contenente almeno la seguente documentazione:
- prova della denaturazione del vino secondo le modalità previste;
- riepilogo delle consegne di vino effettuate con indicazione:
a) della quantità e del titolo alcolometrico volumico;
b) del numero del documento di accompagnamento utilizzato per il trasporto in distilleria del vino;
- il certificato di analisi dei vini introdotti in distillazione dal quale risulti il titolo alcolometrico e la presenza del denaturante, rilasciato da un laboratorio iscritto nella lista dei laboratori autorizzati in conformità alla normativa comunitaria;
- la dichiarazione vidimata dall’Ufficio competente dell’Agenzia delle Dogane indicante i volumi di vino presi in carico sui registri dei distillatori;

6. I termini temporali indicati ai commi precedenti possono essere aggiornati con provvedimento del Capo Dipartimento delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale, con l’obiettivo di assicurare la più efficace attuazione dell’intervento.
Ultima modifica ilGiovedì, 18 Giugno 2020 16:34

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.