Terre di Pisa tappa d'obbligo per gli enoturisti

Letto 401 Email
Il 27 e 28 Maggio si è tenuta a Pisa la seconda edizione di “Terre di Pisa, Terre del Vino”, evento organizzato dalla Camera di Commercio di Pisa e da Darwine&Food, rivolto da quest’anno non solo a un pubblico di addetti ai lavori ma anche agli appassionati, cui è stata resa possibile la degustazione di oltre 300 etichette di 36 aziende della provincia.
 
Terre di Pisa è un brand territoriale nato a dicembre del 2018 dall’iniziativa di un gruppo di produttori vitivinicoli che, sulla scia dell’omonima Doc istituita nel 2011, ha dato impulso alla creazione di un progetto di marketing territoriale che coinvolge tutta la provincia pisana e i suoi operatori, turistici, commerciali, associativi e istituzionali. Lo scopo è rappresentato dalla condivisa esigenza di dare una precisa identità a questo magnifico territorio, variegato dal punto di vista paesaggistico e quindi anche dell’offerta turistica, enogastronomica e esperenziale.



Due giorni, quindi, ricchi di appuntamenti per promuovere le bellezze e le peculiarità di una regione (di cui il vino è solo uno dei vessilli), attraverso seminari, degustazioni e visite in cantina, riuscendo nell’obiettivo di puntare i riflettori sul carattere identitario dei vini, determinato proprio dall’influenza dei luoghi nei quali vengono prodotti, tanto da poter diventare essi stessi parte di una completa e differenziata offerta turistica; un concetto ben sintetizzato nel claim “Dalle colline al mare, autenticamente toscani”.



Il vino, come del resto è successo per tante altre realtà vitivinicole in Italia e in giro per il mondo, diventa veicolo per promuovere la conoscenza di meravigliosi contesti paesaggistici e produttivi. Una grande potenzialità, quella dell’enoturismo, corroborata dai confortanti dati sulle esportazioni delle produzioni enologiche e sulla innata vocazione turistica della regione. Panorami unici e diversi, che spaziano dalle dolci colline interne, alla costa Tirrenica, alle città d’arte ricche di storia e di cultura, alle terme naturali, fanno da sfondo a una altrettanto ricca e variegata offerta enoica di qualità, in cui deve risultare sempre chiara e determinante l’impronta territoriale.



La crescita del territorio dal punto di vista dell’identità e la sua comunicazione come veicolo di penetrazione del mercato nazionale ed estero sono stati al centro del convegno di apertura dei lavori, realizzato in collaborazione con l’Università di Pisa e con la Scuola Superiore Sant’Anna.

Il principio, semplice ma affatto banale, è che un vino è tanto più facilmente comunicabile quanto più forte è la sua caratterizzazione territoriale. La sinergia tra mondo vitivinicolo e mondo scientifico ha ampiamente mostrato come una produzione legata a parametri ben definiti di tipicità, non possa prescindere dal ricorso alla ricerca in campo agronomico ed enologico, implementata da competenze giuridiche, di marketing e sociologiche, atte a ricostruire e fortificare l’appeal del territorio.

La ricerca accademica è volta a supportare le aziende al fine della massimizzazione dell’efficienza produttiva e della contemporanea esaltazione delle peculiarità, mentre il marketing è indispensabile per l’individuazione e l’analisi dei mercati di riferimento. Infine la comunicazione con i potenziali acquirenti passa anche attraverso un rapporto fatto di relazioni dirette con essi, cosa in cui i produttori delle Terre di Pisa sono maestri.

Durante il press tour organizzato per i giornalisti presso alcune cantine della provincia, abbiamo direttamente constatato quanto sia entusiasmante e appassionata la loro capacità di raccontare il terroir con la sua grande variabilità di suoli e microclimi, la storia dell’azienda, la filosofia produttiva, i vini e il loro stile, secondo la tecnica ormai acquisita dello storytelling, termine oggigiorno abbondantemente abusato ma di comprovata efficacia. Un’accoglienza calda e sincera, che apporta un valore aggiunto ai vini di questa terra, anzi, di queste Terre di Pisa in cui il plurale diventa espressione delle molteplici sfumature di un territorio di incantevole bellezza e dei suoi vini.
Ultima modifica ilVenerdì, 07 Giugno 2019 08:45

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.