Log in

UN VIAGGIO BUCOLICO: SOAVE E IL SUO TERRITORIO

Un luogo poetico dove storia, territorio e vino si intrecciano in maniera autentica per creare un’ identità unica.
Sulle colline dell’arco orientale della provincia veronese, ai confini con la città di Vicenza, si trova il territorio di Soave: un romantico susseguirsi di suoli vulcanici e dolci pendii, dove si respira aria di tradizione, autenticità, folklore e storia. E’ un paesaggio collinare poetico, accarezzato dal sole, raramente toccato da gelate. Una terra da scoprire soprattutto in primavera quando, improvvisamente, una nuova palette di colori spruzza di mille sfumature le verdi colline: il bianco dei ciliegi, il rosa dei mandorli in fiore, il tenue verde degli ulivi e il brillante giallo del tarassaco. Le distese di vigneti e le mura merlate del Castello Medievale costituiscono la cornice ideale per un collage ricco di profumi e sapori variegati in grado di offrire prelibate chicche enogastronomiche il cui gusto unico è inconfondibile. Soave sembra derivare da “Suaves”, il nome dato agli antichi Svevi quando giunsero in Italia capeggiati dal re Alboino e coincide con un aggettivo indicante sensazioni piacevoli trasmesse da un paesaggio delicato, dolce, gentile.......


Soave è un borgo la cui identità medievale è rimasta inalterata. Arte e storia sono qui intensamente raccontate dalla maglia viaria del centro storico, dove sono disseminati i principali monumenti architettonici: Palazzo Cavalli, la Chiesa di San Lorenzo e il duecentesco il Palazzo San Bonifacio. E, ancora, sono da ammirare lo straordinario Palazzo Scaligero, attuale sede del Municipio, e il sontuoso Palazzo di Giustizia. Dal Monte Tenda spicca su tutto, incontrastato, il Castello di Soave con la sua immutata bellezza: la sua cinta muraria protegge, come in un lungo abbraccio, l’intera cittadina. Il “mastio” - l’alta torre centrale – è il posto privilegiato dal quale godere di uno dei più bei panorami dei Monti Lessini e della Pianura Padana.


Io, casa amica del diritto, sono stata eretta quindici lustri dopo gli anni mille e trecento…quando i paesani pigiavano con i piedi le uve.”, recita una scritta sulla lapide muraria del Palazzo di Giustizia di Soave. Già dal Medioevo la storia del vino si è qui intimamente intrecciata a quella del territorio: Soave è, infatti, anche città del vino. Sulle sue colline si produce l’uva Garganega (detta comunemente Soave) da cui si ottiene il famoso vino bianco, apprezzato in tutto il mondo, nelle declinazioni DOC, Classico DOC, Superiore DOCG e Recioto di Soave DOCG. Da sempre la Garganega firma l’espressione più autentica del Soave con il suo carattere elegante e la finezza delle sfumature floreali tra le quali spiccano al naso quelle di fiori bianchi. Ritrovare in un calice di Soave la poesia unica racchiusa in una particolare collina, è dovuto alla straordinaria capacità di questo vitigno di interpretare fedelmente l’essenza profonda del territorio. Avvincenti itinerari si snodano lungo la Strada del Vino Soave: un nastro di cinquanta chilometri che unisce sapientemente la natura all’arte, ai musei, alle ville e alle chiese antiche. La Strada è nata per valorizzare le bellezze naturali della zona, offrendo un varietà di proposte e di “golosi” percorsi enogastronomici all’ interno dei tredici comuni interessati alla Denominazione. Ogni comunità rurale di queste prospere colline regala un prodotto tipico: per gli appassionati di formaggio sono da menzionare il prelibato Monte Veronese DOP e il Cimbro, due condimenti immancabili per piatti come i bigoli, la zuppa di cipolle gratinata o gli gnocchi “sbatui”. In queste terre l’enogastronomia è anche ricca di eventi. Da non perdere, il terzo weekend di settembre, la celebrazione della vendemmia con la Festa dell’ Uva più antica d’ Italia: un tuffo nei profumi del “soave” nettare, il vero filo conduttore di questa terra della quale ne esalta, con i suoi intensi sentori, i sapori e le tipicità della tradizione culinaria.

Foto di Tiziano Fasoli e dell’ Associazione Strada del Vino Soave (All Rights Reserved).

Links utili:

Associazione Strada del Vino Soave: www.stradadelvinosoave.com

Pro Loco Soave: www.prolocosoave.it

Ufficio Turistico IAT Est Veronese: www.tourism.verona.it/it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.