Log in

Valore nutrizionale dei Prodotti Biologici

Numerosi lavori confermano la superiorità nutrizionale degli alimenti biologici e biodinamici rispetto a quelli convenzionali.

Tra le ricerche recenti quella di Denis Lairon, dell’Università di Marsiglia, collaboratore degli Istituti Nazionali Francesi per la Ricerca in Agricoltura e per la Sanità e Ricerca medica.

Secondo Lairon “i sistemi di agricoltura biologica hanno dimostrato di produrre alimenti con standard nutrizionali di elevata qualità, con un maggior contenuto di sostanza secca, di alcuni minerali (ferro, magnesio) e micronutrienti ad effetto antiossidante (fenoli, resveratrolo), mentre i prodotti d’origine animale presentano maggior contenuto di acidi grassi polinsaturi (grassi salubri). In riferimento alla sicurezza alimentare, la grande maggioranza (dal 94 al 100%) degli alimenti biologici non contiene alcun residuo di pesticidi, gli ortaggi biologici presentano il 50% in meno di nitrati (precursori di sostanze cancerogene), mentre nei cereali il livello delle micotossine è analogo ai prodotti convenzionali.

Altri risultati confermano nel grano, pomodoro, cavolo, cipolla e lattuga “Bio” il 10-20% in più di vitamine. I bio pomodori presentano inoltre maggior concentrazione di flavonoidi (antiossidanti, antinfiammatori e vaso-protettivi) che possono ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, patologie tumorali e forme di demenza.

La maggior presenza di vitamine e flavonoidi nei prodotti biologici sarebbe dovuta proprio alla migliore risposta immunitaria da parte della pianta, in assenza di pesticidi chimici.

Le sostanze di autodifesa delle piante sarebbero proprio quegli antiossidanti, presenti nel prodotto fresco e nel contempo importanti per i loro benefici su chi se ne nutre.

Ortaggi e frutti biologici risultano in genere più buoni e gustosi, meno “acquosi”, più aromatici e profumati, con migliori capacità di conservazione rispetto a quelli convenzionali, (come confermano studi di comparazione organolettica effettuati da assaggiatori professionisti) e si possono mangiare tranquillamente con la buccia, alta fonte di vitamine, senza residui chimici.

Ulteriore elemento di qualità è rappresentato dal più alto contenuto in ceneri nei prodotti biologici, indice di maggior assorbimento di Sali minerali dal terreno, dovuto al miglio rapporto coi microrganismi del suolo, attraverso le “simbiosi radicali (micorrize)” che stimolano le piante.

Il latte biologico inoltre ha un più elevato contenuto di vitamine E, antiossidanti naturali, betacarotene, acidi grassi essenziali (come gli omega 3 ) che giocano un ruolo fondamentale nel corretto sviluppo del cervello e della retina nei bambini, oltre che nella prevenzione di allergie.

Ultima modifica ilLunedì, 12 Novembre 2012 20:25

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.