Log in

Un Primitivo da Gran Medaglia d'Oro

Giovanissima realtà vitivinicola pugliese che non ha perso tempo  per farsi notare ed apprezzare.

Partecipa per la prima volta ad un concorso enologico e vince la Gran Medaglia d’Oro al Concorso Enologico Internazionale Vinitaly con il suo Primitivo di Manduria DOP Riserva 2011.

Giovane in tutti i sensi visto che è gestita da un giovanissimo ragazzo di trent’anni, Francesco Lonoce, che ha ereditato da suo nonno vitigni e passione.

I vigneti sono ubicati nell’areale tra Sava e San Marzano, nel basso salento.  La cura, la volontà ed il pregevole territorio  hanno fatto sì che questa azienda stia  pian piano  entrando tra i “blasoni” dell’enologia pugliese. Sono sicuro che Francesco non si farà trasportare da facili illusioni che questo momento gli sta regalando, non si “campa” di voli momentanei per poi eventualmente cadere a picco.

Credo di poter  fare questa considerazione perché in un certo senso  sento di aver “battezzato” questa azienda ed ho fin da subito evidenziato le reali potenzialità e le caratteristiche che potrebbero distinguerla.

Francesco ha prestato attenzione al packaging e al nome che ha voluto assegnare alla sua azienda, Calitro, che ha origini albanese-turco. Kaliter in albanese significa “persona di temperamento, forte, di classe”. In turco Kalite si traduce in “qualcosa di qualità”.

Il nome rispecchia appunto la qualità, il temperamento e la classe del vino premiato. Un ottimo inizio per delineare la filosofia che l’azienda si appresta ad adottare.

Il vino si presenta al naso con eleganti aromi di amarena, pepe nero, cioccolato, caffè e avvolgenti note balsamiche. Stupefacente al palato, è ricco, composto, morbido e vellutato. In simbiosi con l’olfatto, il sorso è caldo e potente, lasciando un piacevole finale di torrefazione.

Ultima modifica ilGiovedì, 14 Maggio 2015 06:37

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.