Log in

Giampaolo Tabarrini: Sfida e Intraprendenza

Intraprendenza e voglia di mettersi in discussione, capacità di fondere gli insegnamenti della tradizione familiare con le potenzialità dell’innovazione, intelligenza imprenditoriale: questi sono gli ingredienti che una decina di anni fa sono stati essenziali per Giampaolo Tabarrini nel rilancio dell’azienda di famiglia.


Ci troviamo a Montefalco, in provincia di Perugia, nel cuore della zona del Sagrantino, qui nel 2001 ha inizio il percorso della Cantina Tabarrini grazie all'intraprendenza di Giampaolo, che decide di dare una svolta importante al tipo di produzione che fino ad allora aveva contraddistinto la loro realtà.

Quasi per scommessa chiese al padre di dargli in “affitto” Vigne e Cantina per alcuni anni, con lo scopo di dimostrare l’efficacia delle proprie idee e avere il tempo di concretizzarle con passione e duro lavoro, investendo sulla propria lungimiranza e sulla profonda fiducia in un progetto razionale.

Giampaolo porta nel cuore e nella mente tutti gli insegnamenti del nonno, al quale è sempre stato profondamente legato, sia dal punto di vista emotivo che per quanto riguarda l’amore per la Terra e il Vino, un vero e proprio punto di riferimento per il suo percorso professionale nel Mondo Enoico.

Attualmente la Cantina Tabarrini può contare su circa 18 ettari di Vigneto con i quali vengono prodotte mediamente 70.000 bottiglie all'anno, con il Sagrantino di Montefalco che rappresenta il fiore all'occhiello della produzione, con una crescita costante negli anni che ha portato questi Vini ad essere un punto di riferimento nell'ambito di questa prestigiosa Denominazione dell'Umbria.

Tabarrini possiede tre diverse Vigne con le quali produce Sagrantino di Montefalco e per una precisa scelta personale tiene separate in vinificazione le uve da esse provenienti, con le quali imbottiglia tre diverse etichette al fine di valorizzare al massimo le singole peculiarità organolettiche del Territorio, enfatizzando le caratteristiche prodotte da microclimi e terreni di Campo alla Cerqua, Colle alle Macchie, Colle Grimaldesco.

Bassissime rese in Vigna intorno ai 40 quintali per ettaro, cura precisa e maniacale di tutti gli aspetti del lavoro in campagna, grande attenzione nella scelta dei legni per le botti con cui vinificare i singoli Vini, queste sono le preziose prerogative con cui Giampaolo Tabarrini crea i suoi Sagrantino, con una filosofia che a cascata si ripercuote ovviamente su tutti i Vini prodotti nella Cantina, garantendo un livello qualitativo sull'intera gamma.

Esempi significativi sono:

Lo splendido ed equilibrato Montefalco Sagrantino Campo alla Cerqua 2008 100% Sagrantino con le sue suadenti note speziate, carruba, confettura di more, liquirizia. In bocca la nota tannica viene avvolta dal carattere del vino lasciando un finale intrigante ed elegante.

Il poderoso Montefalco Sagrantino Colle alle Macchie 2006 100% Sagrantino si apre nel bicchiere con una esplosione di profumi che ricordano il rabarbaro, pepe rosa, tabacco, note balsamiche e speziate, regalando un elegante quadro olfattivo che si ripresenta in bocca con la sua imponenza e persistenza.

L’equilibrato Montefalco Sagrantino Colle Grimaldesco 2008 100% Sagrantino  l’impatto olfattivo è ampio, affascinante, corredato da ampie note balsamiche, di cuoio, humus e ginepro. In bocca i tannini sono addomesticati e ben equilibrati, lasciando un finale elegante e  duratura persistenza aromatica.

Della produzione di Tabarrini non si può non menzionare il  “bianco” prodotto da 100% Trebbiano Spoletino. Il vino è dedicato al nonno di Giampaolo. Adarmando, una bellissima espressione di Trebbiano Spoletino, sembrerebbe di ritrovarsi dinnanzi ad un riesling della mosella per le sue note minerali e di idrocarburi che rilascia all’olfatto, lasciando spazio anche a note di frutta esotica. All’assaggio è composto, di corpo, di carattere. Un vino  bianco che si lascia piacevolmente ricordare.

Intraprendenza e voglia di mettersi in discussione, capacità di fondere gli insegnamenti della tradizione familiare con le potenzialità dell’innovazione, intelligenza imprenditoriale: questi sono gli ingredienti che una decina di anni fa sono stati essenziali per Giampaolo Tabarrini nel rilancio dell’azienda di famiglia.

Ci troviamo a Montefalco, in provincia di Perugia, nel cuore della zona del Sagrantino, qui nel 2001 ha inizio il percorso della Cantina Tabarrini grazie all'intraprendenza di Giampaolo, che decide di dare una svolta importante al tipo di produzione che fino ad allora aveva contraddistinto la loro realtà.

Quasi per scommessa chiese al padre di dargli in “affitto” Vigne e Cantina per alcuni anni, con lo scopo di dimostrare l’efficacia delle proprie idee e avere il tempo di concretizzarle con passione e duro lavoro, investendo sulla propria lungimiranza e sulla profonda fiducia in un progetto razionale.

Giampaolo porta nel cuore e nella mente tutti gli insegnamenti del nonno, al quale è sempre stato profondamente legato, sia dal punto di vista emotivo che per quanto riguarda l’amore per la Terra e il Vino, un vero e proprio punto di riferimento per il suo percorso professionale nel Mondo Enoico.

Attualmente la Cantina Tabarrini può contare su circa 18 ettari di Vigneto con i quali vengono prodotte mediamente 70.000 bottiglie all'anno, con il Sagrantino di Montefalco che rappresenta il fiore all'occhiello della produzione, con una crescita costante negli anni che ha portato questi Vini ad essere un punto di riferimento nell'ambito di questa prestigiosa Denominazione dell'Umbria.

Tabarrini possiede tre diverse Vigne con le quali produce Sagrantino di Montefalco e per una precisa scelta personale tiene separate in vinificazione le uve da esse provenienti, con le quali imbottiglia tre diverse etichette al fine di valorizzare al massimo le singole peculiarità organolettiche del Territorio, enfatizzando le caratteristiche prodotte da microclimi e terreni di Campo alla Cerqua, Colle alle Macchie, Colle Grimaldesco.

Bassissime rese in Vigna intorno ai 40 quintali per ettaro, cura precisa e maniacale di tutti gli aspetti del lavoro in campagna, grande attenzione nella scelta dei legni per le botti con cui vinificare i singoli Vini, queste sono le preziose prerogative con cui Giampaolo Tabarrini crea i suoi Sagrantino, con una filosofia che a cascata si ripercuote ovviamente su tutti i Vini prodotti nella Cantina, garantendo un livello qualitativo sull'intera gamma.

Esempi significativi sono:

Lo splendido ed equilibrato Montefalco Sagrantino Campo alla Cerqua 2008 100% Sagrantino con le sue suadenti note speziate, carruba, confettura di more, liquirizia. In bocca la nota tannica viene avvolta dal carattere del vino lasciando un finale intrigante ed elegante.

Il poderoso Montefalco Sagrantino Colle alle Macchie 2006 100% Sagrantino si apre nel bicchiere con una esplosione di profumi che ricordano il rabarbaro, pepe rosa, tabacco, note balsamiche e speziate, regalando un elegante quadro olfattivo che si ripresenta in bocca con la sua imponenza e persistenza.

L’equilibrato Montefalco Sagrantino Colle Grimaldesco 2008 100% Sagrantino l’impatto olfattivo è ampio, affascinante, corredato da ampie note balsamiche, di cuoio, humus e ginepro. In bocca i tannini sono addomesticati e ben equilibrati, lasciando un finale elegante e duratura persistenza aromatica.


Della produzione di Tabarrini non si può non menzionare il “bianco” prodotto da 100% Trebbiano Spoletino. Il vino è dedicato al nonno di Giampaolo. Adarmando, una bellissima espressione di Trebbiano Spoletino, sembrerebbe di ritrovarsi dinnanzi ad un riesling della mosella per le sue note minerali e di idrocarburi che rilascia all’olfatto, lasciando spazio anche a note di frutta esotica. All’assaggio è composto, di corpo, di carattere. Un vino bianco che si lascia piacevolmente ricordare.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.