Log in

Ricerca: una tassa di pochi centesimi può diminuire consumo bevande zuccherate

Uno studio condotto sulla catena londinese Jamie's Italian e pubblicata dalla rivista Journal of Epidemiology & Community Health ha dimostrato che, una tassa di pochi centesimi, unita ad altre semplici misure, può diminuire il consumo di bibite zuccherate nei ristoranti.

L'Oms ha indicato che l'aumento del prezzo può essere una delle strategie principali per limitare il consumo di alimenti pericolosi per la salute.

Lo studio è stato condotto su 37 ristoranti della catena fondata dallo chef Jamie Oliver, in cui è stata introdotta una tassa di 10 centesimi sulle bibite, corrispondente ad un aumento del 3,5% del prezzo, insieme ad una ridefinizione del menu con l'indicazione del perché dell'iniziativa, i cui proventi sono stati devoluti in beneficienza.

A tre mesi dall'introduzione i consumi di bibite sono diminuiti dell'11%, mentre dopo sei mesi il calo è risultato del 9,3%. Nello stesso periodo le vendite di succhi di frutta sono aumentate invece del 22%.

In Gran Bretagna una tassa sulle bibite dovrebbe scattare ad aprile 2018, mentre in USA diverse realtà locali l'hanno già introdotta, nonostante l'attività contraria dei produttori.

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.