Log in

Bisol e Maeli: gemellaggio di eccellenze tra Veneto e Sicilia

La Venetian Wine Experience ha aperto il suo racconto in Sicilia lo scorso lunedì con un tasting inedito presso la sede di Villa Zito, in via della Libertà 52.

A ideare la degustazione è stata la presidente della Fondazione Italiana Sommelier Sicilia Maria Antonietta Pioppo che ha presentato i produttori Gianluca Bisol ed Elisa Dilavanzo e i vini delle rispettive aziende.

In passerella il Fior d'arancio 2014, il Moscato Giallo Metodo Classico Brut Nature Dilà  2014, il Moscato Giallo frizzante rifermentato in bottiglia SurLei  2015, il Valdobbiadene Prosecco Sup. Docg Brut Crede 2015, il Valdobbiadene Superiore di Cartizze Docg rifermentato in bottiglia Private Cartizze non dosato 2012 e per finire il Venissa  bianco 2012  che i partecipanti hanno avuto il privilegio di degustare dalla Magnum.

È stata l'occasione anche per presentare alcune specialità siciliane in abbinamento in particolare formaggi DOP come il Piacentinu e la Vastedda del Belice e, dulcis in fundo a 'sorpresa' un gemellaggio Sicilia - Veneto con un sorbetto al Moscato Giallo preparato dalle sapienti mani del Maestro Gelatiere siciliano Peppe Cuti che ha rilevato la versatilità di questa varietà autoctona dei Colli Euganei.

Elisa Dilavanzo e Gianluca Bisol hanno sottolineato l'importanza del progetto, oggi diventato un modello di successo: "Parlare di enoturismo non è una cosa semplice - spiegano - richiede pianificazione e impegno. Se ben articolato diventa importante per lo sviluppo di un territorio e dell'intero patrimonio artistico e culturale.

La Sicilia potrebbe avviare un progetto analogo che porterebbe tanti benefici, così com'è avvenuto nella nostra regione".
 
Ufficio stampa Fondazione Sommelier Sicilia

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.