Log in

Fipe: servono norme contro sprechi alimentari negli esercizi pubblici

La Federazione Italiana Pubblici Esercizi (Fipe) chiede che l'Italia sia in prima linea, come la Francia, nella lotta agli sprechi alimentari.

Marcello Fiore, Direttore Generale Fipe, ha così dichiarato:"i consumi fuoricasa costituiscono ad oggi il 34% dei consumi alimentari per un valore di 20 miliardi di acquisti di alimenti. Un terzo di questi consumi avviene nei pubblici esercizi, con enormi sprechi di cibo, mentre se parliamo di mense scolastiche ben il 50% degli alimenti vengono buttati.

Servono norme adeguate per facilitare la gestione dei prodotti freschi e sfusi.

Ignorare le esigenze dei pubblici esercizi e privilegiare esclusivamente i prodotti confezionati significa perdere 1/3 dei consumi di alimenti e ingenti quantità di prodotti pronti soprattutto per il consumo immediato e disponibili ad essere correttamente riutilizzati".

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.