Log in

Slovenia utilizza "Collio" in campagna di promozione: è polemica!

Tra Slovenia e Friuli Venezia Giulia potrebbe scoppiare un vero e proprio caso diplomatico in quanto è stata utilizzata la denominazione "Collio", esclusiva della zona goriziana, in una campagna di promozione del territorio sloveno.

Alessandro Colautti, del gruppo di Area Popolare, chiede chiarimenti urgenti.

Scrive in una nota:"considerata necessità e l’urgenza di far valere e difendere le denominazioni come sancito dalle regole comunitarie affinchè ogni Paese promuova il proprio territorio e ciò che produce, garantendone l’esclusività della denominazione, è opportuno sapere quali iniziative e azioni la Giunta Friuli Venezia Giulia intenda intraprendere nei confronti della Slovenia.

Ricordato che in sloveno come stabilito dagli accordi, la denominazione della loro zona collinare e quindi del vino prodotto in quelle zone si chiama Brda, l’attività di promozione utilizzata dai nostri vicini oltre a violare degli accordi, può arrecare un danno economico e di immagine a causa della confusione che il messaggio può creare.

Nonostante le argomentazioni giustificative dell’assessore competente, è necessaria un’azione concreta e puntuale della Giunta affinchè venga tutelato e non usurpato da altri, il nostro marchio del Collio la cui credibilità che è sinonimo di qualità, è stata costruita nel tempo attraverso lavoro, investimenti e strategie di marketing decennali capaci di identificare in maniera precisa le peculiarità del nord-est d’Italia".

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.