Log in

L'olio extravergine 'novello' non esiste, rischio sanzioni

La newsletter il salone "Sol & Agrifood" di Veronafiere ricorda che:"non è prevista da alcuna normativa e può anche indurre in errore la dicitura 'novello' su alcune bottiglie e sul collarino dell'olio extravergine di oliva della nuova campagna olearia.
Nel caso in cui dovesse esserci questa dicitura, si è passibili di sanzone".

Gli esperti rendono noto che:"l'extravergine venduto in queste prime settimane di campagna olearia non è filtrato né decantato ed è particolarmente torbido. Col passare delle settimane, però, le sostanze in sospensione, si vanno a depositare nella bottiglia e possono fermentare, dando vita a difetti organolettici. Non è quindi consigliabile conservare l'olio nuovo torbido per più di qualche settimana".

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.