Log in

Sparkle Day 2016: a Roma la Grande Festa delle Bollicine Italiane

Un sabato di pioggia ha bagnato la Dolce Vita romana e gli eleganti saloni del Westin Excelsior di Via Veneto, una pioggia di spumeggianti bollicine provenire dalle bottiglie di oltre 150 etichette dei migliori spumanti italiani.

Tante persone, il 21 novembre, che hanno voluto festeggiare il successo di un settore sempre più in espansione, celebrato con l’uscita della nuova Guida Sparkle 2016, l’unica guida in Italia a dedicare le sue pagine al mondo degli spumanti e giunta ormai al suo quattordicesimo anno di età, edita dalla nota rivista di enogastronomia Cucina & Vini.

In questa edizione, i numeri parlano chiaro di un interesse sempre più crescente verso la ricerca della qualità di un vino da considerarsi ormai versatile e non più dedicato esclusivamente a occasioni importanti o celebrative, e soprattutto non più solo dolci bollicine da dessert. Un vino a tutto pasto, insomma, i cui standard qualitativi, come afferma Francesco D’Agostino, curatore della Guida e Direttore della rivista Cucina & Vini, hanno raggiunto un livello tale da decretare una crescita dell’export del 24% con Gran Bretagna e Stati Uniti come principali mercati di riferimento.

Un frizzante giro d’Italia che, dopo oltre 2.500 assaggi ha selezionato 350 aziende da inserire in guida, con oltre 500 pietanze abbinate ai vini presenti nelle pagine. Un grande evento lo Sparkle 2016 che ha premiato, durante la serata, le 69 migliori aziende con le 5 sfere, il simbolo sparkle che premia le eccellenze vitivinicole del settore della produzione spumantistica italiana. Le regioni a salire sul gradino più alto del podio sono state la Franciacorta, regina indiscussa della rifermentazione in bottiglia, il Prosecco Superiore di Conegliano Valdobbiadene e Trento, alle quali seguono il Piemonte, l’Alto Adige, Puglia e Abruzzo.

Dopo la presentazione, la grande festa della bollicine si è trasformata in un tripudio di aromi e sapori d’autore dal nord al sud dell’Italia: dai piacevoli e ricercati sentori di gianduia del brut dell’Alta Langa Riserva Cuvèe 2008 della storica azienda Gancia all’avvolgente profumo di nocciola del Trentacinquesimo Anniversario Sauvage 2009 dell’azienda pugliese D’Araprì, passando per l’abruzzese Marramiero e il suo Brut dalle inconfondibili dolcezze confettate.

Eccellenze italiane che sono state accompagnate e sapientemente abbinate, anche quest’anno, dallo Street Food di autore in una serata di festa ma anche di solidarietà, con il pensiero di Francesco D’Agostino alla Francia e alle vittime del sanguinoso attentato di Parigi. Tra le novità di quest’anno, la diretta radiofonica di Radio Capital, con il programma Non c’è duo senza tè e la riconferma in sala dei bravissimi ragazzi dell’Istituto Alberghiero di Fiuggi.

Di Malinda Sassu

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.