Log in

Coldiretti, olio: Antitrust indaga su pratiche commerciali scorrette

La Coldiretti dichiara che l'Antitrus deve aiutare a fare chiarezza sulla destinazione finale delle importazioni con l'arrivo dall'estero, nel 2014, di 666 mila tonnellate di olio d'oliva e di sansa, con un aumento del 38% rispetto all'anno precedente.

Un buon olio extravergine non può e non deve essere venduto a meno di 6 o 7 euro al litro perchè non coprono i costi di produzione.

Quello dell'olio è un settore strategico del Made in Italy con 250 milioni di piante su 1,2 milioni di ettari coltivati, per un fatturato di 2 miliardi di euro.

L’olio dovrà avere un’acidità massima di 0,4 e requisiti chimico fisici migliori rispetto a quelli previsti dalla normativa vigente. Deve essere un impegno per la valorizzazione che non può essere vanificato da pratiche commerciali scorrette come quello su cui sta indagando l’autorità garante per la concorrenza e il commercio.

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.