Log in

Il vino sulle onde: secondo giorno

I vini hanno riposato bene, la navigazione da Savona e Marsiglia è stata tranquilla. Non hanno subito nessun trauma. Si sono svegliati con il sole e i sommelier di bordo li stanno accudendo al meglio. Hanno già fatto colazione e ora son pronti per essere degustati da noi.

Poggio delle Grazie. Caselle di Sommacampagna a due passi dal Lago di Garda. Un riferimentato in bottiglia. Un vino bianco frizzante di Cortese. Imbottigliato senza aggiunta di solfiti. Per la rifermentazione? L'utilizzo di un metodo ancestarale. L'aggiunta del 5% di garganega Passita , rimane 4 mesi a rifermentare..

Col fondo senza essere agitato. Giallo paglierino, non limpido,grandi sentori di pane appena sfornato, sembra uno strudel di uva. Le bollicine giocano con gioia nel palato e donano senzazioni gradevoli. Bella la coerenza.Un vino dinamico che può essere bevuto a tutto pasto. E poi l'abbiamo agitato. Ero certo che i sentori di pane sarebbe aumentato. Niente vero. Aumenta la torbidità ma aumentano in maniera esponenziale di sentoridi fiori bianchi, si evidenzia la gradevolezza dell'uva cortese. Decisamente l'agitato è un gran bel vino.

Le Favole. Caneva (Pn) Malvasia 2014.  Uno dei vini di punta di qusta giovane azienda. Anche se il 2014 in Friuli non è stata una grande annata questa Malvasia si presenta in maniera perfetta.Già dal colore mette subito le carte in tavola. Un giallo quasi dorato con una brillantezza cristallina. Fiori bianchi e mineralità si evidenziano subito. Il fatto di aver riposato permette al territorio di esprimesi. Al gusto gioca tutta sulla morbidezza ed eleganza. Gradevole l'ammandorlato finale. Prosegue zizagando tra sapidità e freschezza chiudendo in maniera armonica.

Ricchi di Monzambano Mantova al confine con il Veneto. Chardonnay Meridiano. Un grande bouquet floreale, agrumato,una leggerissima menta, ananas maturo, mineralità, erbe del territorio. La mineralità esplode in bocca, è profondo, avvolgente, carico, morbido ed avvolgente. Lunghissimo, persistente.

Greco di Tufo Tenuta Cavalier Pepe. Campania, zona Avellino.Terreni vulcanici antichi.
La mineralità è il suo lato distintivo. Il naso è delicato ma le sensazioni gustative sono decisamente importati. Sassi, tufo, sale. Che gran gioia.

Andiamo a Bergamo al confine con la Franciacorta. Angelo Bertoli. Carillon rosè. Da uve Merlot. Metodo classico.   Rosè ciprioso. Piccole son le bollicine. Naso delicato con fragoline selvatiche, sottobosco, terra con muschio. Bella la sua punta di giovinezza. Punge la lingua ma ci dona grandi sensazioni.

ACETO GIUSTI. Luca Bonacini. Un affare di famiglia per i modenesi. Quasi 5.000 famiglie hanno l'acetaia. La famiglia più antia acetica del mondo. Si pala del 1.600 ma forse anche prima. Seguendo la corte Estense di Ferrara che si trasferisce a Modena. Li vengono ordinae le corporazioni. 17 generazioni e 14 medaglie ottenute nei 400 anni ai massimi concorsi. Producono sia IGP e balsamico tradizionale. 12 anni igp. Bottiglia champagnotta. Con uve passite e poi cotto il mosto. Consistenza cremoso, intenso, affumicato.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.