Log in

Pillola anticoncezionale ai Cinghiali per ridurre i danni all'agricoltura...

Che i Cinghiali fossero un fenomeno da controllare era risaputo, ma pensare di arrivare alla “Pillola” contracettiva è un fatto che senz'altro dividerà l'opinione pubblica.
Secondo il progetto, nei boschi viene lasciato mangime con l’anticoncezionale in dispenser che solamente i cinghiali sono in grado di aprire. Prendono la “pillola” e il gioco è fatto. “Nel giro di tre anni - aggiunge Vitturi - la popolazione di ungulati viene così fortemente ridotta ma soprattutto fin da subito non subisce più incrementi”. Tutto risolto, allora? No. C’è da giurare che i problemi saranno più di carattere “politico” che pratico, specie da parte dei cacciatori: anche se con meno danni all’agricoltura, tolti i cinghiali, in un’Italia sempre più povera di selvaggina sterminata soprattutto da inquinamento e cambiamenti climatici, a che cosa potranno mirare le doppiette?

Sarà la soluzione giusta?

Fonte: lastampa.it
Ultima modifica ilVenerdì, 25 Settembre 2015 09:26

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.