Log in

Vendemmia 2015, produzione: 47 milioni di ettolitri +12% sul 2014

Secondo i dati Istat la produzione di vino a livello nazionale si aggira attorno ai 47 milioni di ettolitri, circa il 12% in più rispetto al 2014.

Il clima del mese di settembre sarà fondamentale per decretare se sarà una buona o un'ottima vendemmia, soprattuto per la qualità dei rossi.

Se i dati sopra citati fossero confermati, il nostro Paese avrebbe la leadership mondiale tra gli Stati produttori.

Il Presidente UIV (Unione Italiana Vini), Domenico Zonin, ha così spiegato:"In sintesi possiamo dire che l’annata metereologica ci consegna un’uva sana e abbondante, almeno rispetto alla media degli ultimi anni, e di qualità tra il buono e l’eccellente pur con tutte le cautele del caso perché siamo al 30% circa della raccolta e al termine della vendemmia manca ancora un mese, e consapevoli della variabilità tra zona e zona, la previsione di crescita del 12% sul 2014 ed una ottima qualità media, motivano un nostro moderato ottimismo.

Il dato complessivo quali-quantitativo è certamente molto soddisfacente.

Un segnale di conferma che fonda una giustificata fiducia verso la crescita complessiva del valore della produzione vitivinicola italiana con riflessi auspicabili sull’export del 2016 dove a questo punto, sfuggendo alla morsa ribassista imposta quest’anno dai vini spagnoli, è lecito attendersi incrementi di fatturato più consistenti rispetto a quelli del 2015.

La buona annata potrà avere ripercussioni positive anche sul mercato interno che soffre, ormai, da diversi anni".

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.