Log in

J.Robinson: il web ha "destrutturato" la critica enoica

Jancis Robinson, una delle voci della critica più seguite al mondo, ha affermato che il web e i social hanno messo in discussione modelli, leadership e ruoli per quanto riguarda la critica del mondo del vino.

Tra le "difficoltà" ci sono i social media hanno apportato modifiche anche al modo di comunicare, che è diventato più rapido e poco incline, ma allo stesso tempo hanno dato più spazio alle informazioni.

Per quanto riguarda il lato tecnologico tutti, esperti e non, attraverso le App con pochi click possono avere informazioni e recensioni dello stesso prodotto.

L'autrice inglese ha così commentato:"Questo non è un male assoluto anche perché non ho mai creduto che esistesse un solo metodo valido ed infallibile di giudizio di un vino o una sola voce da ascoltare.

Benvenga, tutto sommato, l’apertura ad una pluralità di voci, anche se magari molte hanno un livello di preparazione eccellentissimo.

Perché, quantomeno, la maggiore concorrenza spinge al miglioramento anche di chi è sulla cresta dell’onda da più tempo, e a cercare di perfezionarsi in un mestiere, quello del critico di vino, che se fatto in maniera professionale richiede un “notevole sforzo mentale, di concentrazione, ma anche fisico".

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.