Logo
Stampa questa pagina

Ecomafie: Il crimine alimentare fattura 15,4 miliardi

Il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, è intervenuto al meeting internazionale "Contrastare il crimine alimentare, rafforzare la sicurezza alimentare".

"Il crimine alimentare fattura 15,4 miliardi ed investe ambiti complessi e articolati con gli interessi che sono rivolti, anche all’estero, nelle catene commerciali della grande distribuzione, appropriandosi di vasti comparti dell’agroalimentare e dei guadagni che ne derivano, distruggendo la concorrenza e il libero mercato legale e soffocando l’imprenditoria onesta, ma compromette in modo gravissimo la qualità e la sicurezza dei prodotti.

I settori dell’agricoltura e della pesca sono nel mirino di Cosa Nostra e della Camorra in Spagna dove non manca l’interesse della stessa Camorra e quello della Ndrangheta nel comparto della ristorazione.

Il crimine alimentare si combatte con la trasparenza soprattutto in un settore come quello agroalimentare dove è particolarmente rilevante il flusso commerciale, con circa un terzo (33%) della produzione complessiva dei prodotti agroalimentari venduti in Italia ed esportati con il marchio Made in Italy.

In un momento difficile per l’economia dobbiamo portare sul mercato il valore aggiunto della trasparenza e dare completa attuazione alle leggi nazionale e comunitaria che prevedono l’obbligo di indicare in etichetta l’origine degli alimenti".

Redazione di Vinoway
Vinoway.com 2015 © Il materiale pubblicato in questo portale è in gran parte protetto da copyright. E' vietata la copia anche parziale senza esplicita autorizzazione dell'associaizone culturale e di promozione VINOWAY ITALIA | Sede legale : Via Roma, 18 32026 Mel (BL) | P.iva: 01149410258