Log in

PROPOSTA OGM UE: PARTE LA POLEMICA

A Bruxelles c'è già polemica sulla proposta delle nuove norme per l'autorizzazione degli Ogm in Europa.

La soluzione, guidata da Juncker dell'esecutivo Ue, non è stata gradita da nessuno, dagli ambientalisti agli Stati Membri.

La bozza prevede che saranno proprio gli Stati membri ad avere l'ultima parola in merito all'introduzione sul territorio nazionale di cibi o mangimi Ogm, anche se autorizzati a livello Ue.

Anche una eventuale richiesta di divieto su una parte o su tutto il proprio territorio per ciascun Ogm autorizzato a livello Ue spetterà allo Stato in questione.

Gli Stati dovranno anche trovare una giustificazione per ogni singolo caso che non potrà mai essere legata ai rischi per la salute o per l'ambiente, perché questi sono già contemplati dalla procedura di autorizzazione a monte.

Secondo fonti UE la tendenza rispetto alla proposta è negativa.

Jorgo Riss, direttore di GreenPeace UE, ha cos' commentato:"Juncker ha promesso che avrebbe riformato l'iter delle decisioni Ue per gli Ogm per renderle più democratiche, invece potrebbe finire per approvare più Ogm con la scusa del libero scambio, mettendo da parte le preoccupazioni dei cittadini Ue e i rischi per l'ambiente".

ekka Pesonen, Segretario Generale del Copa-Cogeca, ha chiesto:"Juncker deve respingere ogni tentativo di rinazionalizzare il mercato Ue delle autorizzazioni".

La US Biotech Crops Alliance ha scritto, alla Commissione Europea, che "La revisione della procedura ha introdotto un ulteriore livello di incertezza e di rischio".

Paolo De Castro, Coordinatore dei socialisti in Commissione Agricoltura all'Europarlamento, ha affermato che:"il 90% della soia di cui l'Ue ha bisogno ogni anno per allevamenti e vacche da latte arriva da Usa, Argentina, Brasile.
Un impedimento metterebbe in discussione la produzione dei mangimi, spero che la Commissione Ue rifletta bene".

La decisione dell'esecutivo UE spetterà probabilmente per il prossimo 29 aprile.

Redazione di Vinoway
Ultima modifica ilLunedì, 20 Aprile 2015 11:58

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.