Log in

NANOVETTORI PER COMBATTERE LA XYLELLA

Il progetto di ricerca del primo cluster universitario, Tecnologie Abilitanti per Produzioni Agroalimentari Sicure e Sostenibili (Tupass), presentato stamattina a Lecce, prevede l'inserimento di nanovettori pieni di ioni rame, ioni zinco e solfato di rame per combattere l'emergenza Xylella.

Il progetto vede la partecipazione di un team di ricercatori delle università di Foggia, Lecce e Bari, Cnr e centro di Ricerca e Sperimentazione Basile Caramia.

Giuseppe Ciccarella, ricercatore dell'Università del Salento, ha così spiegato:"Stiamo progettando la realizzazione di un mezzo che può essere iniettato all'interno degli ulivi secolari o delle piante e agire come contrasto all'infezione batterica. Quindi andremo a sviluppare metodologie utilizzando del materiale assolutamente bio compatibile che possa agire da vettore, selettivo verso il batterio. Lo abbiamo già sperimentato su piccole piante in laboratorio e i risultati sono confortanti.

Il finanziamento regionale, pari a 549.036 euro, non sarà sufficiente a sostenere l'intero progetto e che sarà alimentato dalla raccolta fondi portata avanti dalla Coldiretti anche attraverso la piattaforma di crowdfunding".

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.