Log in

OLIO D'OLIVA, 2014: UN ANNO DA DIMENTICARE

Nel 2014 il calo della produzione dell'olio d'oliva è stato stimato fra il 35 e il 40% creando importanti conseguenze.

Il calo di produzione non riguarda solo l'Italia ma anche la Spagna che, ad oggi, è il maggiore produttore di olio d'oliva al mondo.

I problemi che hanno afflitto Italia e Spagna non sono gli stessi. Nel nostro Paese le cause principali sono un parassita e un batterio: la mosca olearia, che ha attaccato gran parte degli oliveti impedendone la corretta fruttificazione; la Xylella che sta colpendo gli alberi in Puglia.

Gli iberici, invece, hanno dovuto fare i conti con una siccità senza precedenti.

L'Italia è il secondo maggiore produttore di olio d'oliva nel mondo e, allo stesso tempo, ne è il maggiore consumatore.

Visto il grande calo dello scorso anno, ci si chiede se il prodotto disponibile sul mercato basterà a soddisfare la domanda, che per il 2015 viene stimata in 2 milioni 823.000 tonnellate a fronte di una produzione di sole 2 milioni 393.000 tonnellate nel mondo.

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.