Log in

CODICE CITRA E LA SPUMEGGIANTE “ABRUZZO DOP”

Partito il progetto di ricerca che porterà all’elaborazione di vini spumanti ottenuti dai vitigni autoctoni coltivati dai 3000 soci vignaioli del Codice Citra, realtà cooperativa leader in Abruzzo ubicata nel territorio Chietino. Montepulciano, Passerina, Pecorino, Cococciola e Montonico sono le cinque rinomate cultivar idonee alla spumantizzazione e protagoniste del progetto.

Gli spumanti “Abruzzo DOP” saranno elaborati con metodo Charmat e metodo Classico.

L’azienda insieme all’Università di Teramo e al Centro di Ricerca Viticola ed Enologica d’Abruzzo (C.Ri.V.E.A.) -   usufruendo del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale  - hanno avviato un percorso di ricerca e sviluppo per valorizzare la neonata “DOP Abruzzo”. Una Denominazione territoriale che prende in considerazione le diverse attitudini varietali in funzione delle tecniche colturali e dei metodi di vinificazione.

Il progetto ha coinvolto appezzamenti rappresentativi della vasta estensione dei vigneti del Codice Citra. In particolare, sono stati individuati areali produttivi dalla diversa pedomorfologia: dalla fascia litoranea a quella pedemontana per avere utili indicazioni sugli ambienti specifici per questo tipo di produzioni.

Il percorso dei nuovi spumanti parte dalla vigna, tecniche di allevamento, valutazione delle rese, potatura secca, potatura verde, scelta della coltivazione e dell’epoca vendemmiale, analisi chimica delle uve, valutazione dell’impatto ambientale, eco-sostenibilità viticola; per passare poi alla cantina ed ai laboratori. Vinificazione in bianco e rosé, reazioni alla presa di spuma con i due metodi, analisi chimiche dei vini, esami organolettici, valutazioni sensoriali e feedback dei consumatori.

In presenza di una tendenza alla diminuzione generalizzata del consumo di vini fermi, sia rossi che bianchi, ai quali si contrappone la rilevazione di un’opposta (anche se non equivalente) tendenza all’aumento del consumo di vini spumanti, il progetto mira ad avere una ricaduta in termini economici. L’iniziativa parte anche grazie all’impulso dato da un mercato che, soprattutto nelle fasce anagraficamente più giovani, mostra maggiore interesse per i vini spumanti.

Presenti alla conferenza stampa: Dino Pepe assessore regionale alle Politiche Agricole, Valentino di Campli e Lino Olivastri, rispettivamente presidente ed enologo di Citra Vini, Giuseppe Arfelli docente di Enologia all’Università di Teramo, Paola Di Gianvito dell’omonima Università, Maurizio Odoardi in rappresentanza di C.Ri.V.E.A  e Alessandro Bocchetti giornalista enogastronomico.


Comunicato Stampa Citra Vini

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.