Log in

PUGLIA E SARDEGNA METE PREFERITE DAI TURISTI STRANIERI

Secondo una ricerca condotta dalla società di consulenza turistica Jfc basata su dati Istat ed Eurostat l'Italia, nell'ultimo decennio, ha incrementato i flussi di turismo dell'8,6%.

Un dato negativo considerando che la Francia segna un +52,4%, la Croazia +45,3%, la Grecia +40,7% e la Spagna +11.8%. Le altre nazioni europee che non si affacciano sul Mediterraneo segnano tutti valori positivi: Germania (+17,5%), Gran Bretagna (+16,2%) e Austria (+14%).

Feruzzi afferma che: "il tasso di sviluppo del turismo può essere analizzato solo confrontando incremento delle presenze ed aumento dei posti letto.
Emerge così che nel decennio 2003/2013 solo cinque regioni hanno visto un'effettiva crescita dei flussi, e tra queste è la Calabria a segnare i dati più positivi seguita da Piemonte (+12%), Trentino Alto Adige (+11,1%), Lazio (+2,5%) e Veneto (+0,8%).
Tutte le altre regioni hanno dati in negativo, ed è il Molise la regione che segna i risultati peggiori, seguita da Umbria (-29,1%), Sicilia (-29%), Campania (-28,9%), Valle d'Aosta (-14,5%) e Liguria (-13,7%).
Nei mercati esteri, le migliori performances di crescita sono state effettuate da Sardegna e Puglia; i risultati peggiori da Molise, Basilicata e Marche".  

Nel 2013 la regione con più capacità ricettiva è stata il Veneto, seguita dalla Toscana e dall' Emilia Romagna.

Per quanto riguarda le presenze, nel decennio, il Piemonte è in cima alla lista mentre nel 2013 ad ottenere i migliori risultati sono stati il Veneto, il Trentino Alto Adige e la Toscana.

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.