Log in

L'ENOTURISMO E' LA STRADA GIUSTA PER USCIRE DALLA CRISI

Secondo l'ultimo rapporto Wine Monitor, la chiave di sblocco per uscire dalla crisi per le medio-piccole imprese del vino italiano è l'enoturismo.

Nel sistema vinicolo nazionale circa 25 aziende presentano un fatturato maggiore di 50 milioni di euro e, per queste aziende, l'export incide per poco più del 60% sul fatturato annuo.

Ci sono, però, le aziende più piccole che purtroppo non riescono a produrre nemmeno 100 ettolitri di vino all'anno anche a causa della crisi che ha ridotto notevolmente i consumi.

Anche per questo motivo, per le piccole aziende, diventa sempre più difficile accedere agli scaffali di ipermercati e supermercati.

Denis Pantini, Responsabile Agricoltura e Industria Alimentare di Nomisma, afferma che il settore produttivo italiano si trova davanti ad un bivio: trovare nuovi sbocchi di mercato o in Italia o all'estero. Un'altra opzione potrebbe essere la vendita diretta in azienda se collegata all'enoturismo.

Negli ultimi anni, circa il 9% degli stranieri ha scelto l'Italia come meta di vacanza proprio per l'interesse verso l'enogastronomia nazionale. In base ai fatti, però, questa potenzialità viene sfruttata solo marginalmente.

"Si tratta di capire, per cogliere le opportunità dell’enoturismo, se saremo in grado di superare questi nostri limiti per garantire una sostenibilità di lungo periodo alle imprese del settore - conclude Pantini - In Italia non ci mancano certo i vini di qualità e le zone di pregio dal punto di vista ambientale e paesaggistico ma siamo indubbiamente più carenti nel “fare sistema”.

Redazione di Vinoway

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.