Log in

La pausa pranzo non va saltata, ecco perchè...

“LA PAUSA PRANZO È IMPORTANTISSIMA E NON VA SALTATA SOPRATTUTTO PERCHÉ SERVE A STACCARE LA SPINA. VANNO PRIVILEGIATI I PIATTI UNICI CON PREVALENZA DI FARINACEI”. LO AFFERMA IL NUTRIZIONISTA PIETRO ANTONIO MIGLIACCIO E AIDEPI CONCORDA


La pausa pranzo è importantissima. Il piatto perfetto è la pasta“La pausa pranzo è importantissima e non va saltata, non solo perché si va incontro a un calo di zuccheri che di fatto riduce l’efficienza sul lavoro, ma anche perché serve a staccare la spina”.

Lo afferma il nutrizionista Pietro Antonio Migliaccio, nel sottolineare che “noi italiani culturalmente e geneticamente abbiamo bisogno della pausa pranzo, a differenza di altri popoli come gli anglosassoni dove si fa un’abbondantissima colazione e, quindi, la pausa pranzo diviene meno importante”.

“Bisogna tener conto delle esigenze organiche dell’individuo - aggiunge Migliaccio - perché abbiamo bisogno di un apporto energetico adeguato per il cervello e di quelle psicologiche perché il cibo è gratificazione e la pausa pranzo serve a staccare la spina. Qualche consiglio per chi sceglie di consumarla in ufficio? Rilassarsi, masticare con calma, concentrarsi sull’atto del mangiare. No al pranzo davanti al computer o a mangiare camminando e stando in piedi. Sarebbe preferibile inoltre cambiare scrivania e consumare il pasto insieme a un collega, apparecchiando la tavola come se si fosse a casa. Optare per cotture semplici e che permettono di limitare i condimenti (griglia, forno, vapore), preparazioni leggere, ingredienti freschi e di qualità, cercando di variare ogni giorno il più possibile. Vanno privilegiati i piatti unici con prevalenza di farinacei (riso, pasta, patate) e verdure, eventualmente piccole porzioni di carne o pesce o uova”.

“La pasta - commentano dall’Aidepi, l’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane - è un alimento alla portata di tutti, gustoso e saziante. Con i diversi formati in commercio e i condimenti giusti siamo sicuri di fare un pasto sempre diverso, nutrizionalmente completo e appagante”.

Info: www.aidepi.it


fonte: winenews.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.