Log in

Straniere 2 pizze su 3, addio da 25% italiani

​Ma per la pasta storica svolta “autarchica” con il boom di quelle 100% di grano italiano


 Quasi due pizze su tre (63 per cento) servite in Italia sono ottenute da un mix di farina, pomodoro, mozzarelle e olio provenienti da migliaia di chilometri di distanza senza alcuna indicazione per i consumatori che oggi hanno rinunciato del tutto ad andare in pizzeria (25 per cento) o hanno ridotto le presenze (40 per cento) rispetto a prima della crisi secondo l’indagine Ixe’. E’ quanto emerge dal Dossier “La crisi nel piatto degli italiani nel 2014”, presentato dal Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo al Teatro Palapartenope di Napoli, che analizza per la prima volta anche cosa c’è di diverso con la crisi nei piatti piu’ rappresentativi della tradizione alimentare italiana con la pizza che è sempre meno tricolore, la pasta è diventata “autarchica”, mentre i sughi piu’ nostrani, dall’arrabbiata alla puttanesca, profumano d’oriente e il pane viene impastato nei Paesi dell’est Europa. Dal Dossier si evidenzia che - sottolinea la Coldiretti - si è verificata una rivoluzione storica per la pasta con la produzione di quella fatta di grano italiano al 100% per 100% che è iniziata ed esplosa proprio negli anni della crisi. In Italia, sempre piu' spesso nelle pizzerie viene servito un prodotto preparato - sottolinea la Coldiretti – con mozzarelle ottenute non dal latte ma da semilavorati industriali, le cosiddette cagliate, provenienti dall'est Europa, pomodoro cinese o americano invece di quello nostrano, olio di oliva tunisino e spagnolo o addirittura olio di semi al posto dell'extravergine italiano e farina francese, tedesca o ucraina che sostituisce quella ottenuta dal grano nazionale. In Italia sono stati importati nel 2013 - spiega la Coldiretti - ben 481 milioni di chili di olio di oliva e sansa, oltre 80 milioni di chili di cagliate per mozzarelle, 105 milioni di chili di concentrato di pomodoro dei quali 58 milioni dagli Usa e 29 milioni dalla Cina e 3,6 miliardi di chili di grano tenero con una tendenza all’aumento del 20 per cento nei primi due mesi del 2014. Una fiume di materia prima che - sostiene la Coldiretti - ha purtroppo compromesso notevolmente l’originalità tricolore del prodotto servito nelle 50mila pizzerie presenti in Italia che generano un fatturato stimato di 10 miliardi, ma non offrono alcuna garanzia al consumatore sulla provenienza degli ingredienti utilizzati. Se il 39 per cento degli italiani ritiene che la pizza sia il simbolo culinario dell’Italia, la maggioranza del 45 per cento, secondo un sondaggio del sito www.coldiretti.it, attribuisce il primato alla pasta la cui produzione, al contrario, ha fatto registrare una decisa svolta nazionalista con la nascita e la rapida proliferazione di marchi che garantiscono l’origine italiana del grano impiegato al 100%. Un percorso che è iniziato nei primi anni della crisi dal Consorzio Agrario di Siena con la pasta dei coltivatori toscani per estendersi poi ad alcune etichette della grande distribuzione (da Coop Italia a Iper) fino ai marchi nuovi o storici piu’ prestigiosi (Ghigi, Valle del grano Jolly Sgambaro, Granoro, Armando, ecc) tanto che all’appuntamento con diecimila agricoltori della Coldiretti Guido Barilla Presidente Barilla G. & R. Fratelli S.p.A, ha annunciato che lo storico marchio napoletano “Voiello”, che fa capo al Gruppo, venderà solo pasta fatta da grano italiano al 100% di varietà “aureo” coltivato in Abruzzo, Molise, Puglia e Campania che per il contenuto proteico e la forza del glutine può essere considerato il grano duro italiano d'alta qualità nel Sud. Una tendenza - sostiene la Coldiretti - rivolta a garantire qualità e sostenibilità della produzione, ma favorita anche dalla volontà di sostenere il lavoro e l’economia italiana in un difficile momento del Paese che spinge i consumatori a privilegiare scelte di acquisto sostenibili che contribuiscono al rilancio del Made in Italy. “La produzione nazionale degli ingredienti e la sua lavorazione esclusivamente in Italia consente di salvare dall’abbandono interi territori situati in aree difficili nel sud del Paese, ma anche di garantire occupazione e reddito ad agricoltori e lavoratori in un momento di crisi”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “per tornare a crescere il Paese deve saper mettere in rete le sue straordinarie capacità imprenditoriali e le potenzialità dei territori, a cominciare da quelle inespresse del Mezzogiorno”. Meno fortuna ha avuto il prodotto piu’ presente sulle tavole degli italiani poiché, accanto al pane artigianale venduto nei forni in Italia, si assiste - continua la Coldiretti - all’arrivo di milioni di chilogrammi di impasti semicotti, surgelati, con una durata di 24 mesi, grazie ad additivi e conservanti, provenienti dall’est europeo, destinati ad essere poi cotti e diventare pane nelle strutture commerciali a basso costo. Un destino che colpisce anche i tradizionali sughi e il ragù italiano che sempre piu’ spesso sono ottenuti da conserve di pomodoro provenienti dall’estero miscelate con ingredienti e importati, dalle spezie dall’Oriente aIla carne, come purtroppo - conclude la Coldiretti - ha dimostrato il recente scandalo della carne di cavallo spacciata per manzo dopo un rally tra le frontiere che ha interessato numerosi Paesi europei.


fonte: coldiretti.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.