Log in

Cantine Due Palme sbanca il 21° concorso enologico internazionale di Vinitaly

A Cantine Due Palme il premio speciale "Vinitaly Nazione 2014”, prima cantina italiana.

Per Cantine Due Palme, oltre al grande riconoscimento del “Vinitaly Nazione 2014”, al fianco di un’azienda tedesca e una rumena, sono arrivate due Gran Medaglie d’Oro, nella categoria vini tranquilli per i vini rossi a Brindisi dop “Camarda” 2012 e l’Igp Salento “Tenuta Albrizzi” 2012; una Medaglia d’Oro  nella stessa categoria per il Salento Igt primitivo “Don Cosimo” 2012; nella categoria Vini tranquilli vendemmia 2011-2010 una Medaglia d’Oro  per il Salice Salentino Dop “Selvarossa” 2010 e infine un riconoscimento importante anche per una bottiglia che celebra i settant’anni del presidente di Cantine Due Palme, il Salice Salentino Dop “1943”, annata speciale, quella del 1997, che si è aggiudicata la Medaglia di Bronzo nella categoria Vini tranquilli vendemmia 2007 e annate precedenti.  

“Vinitaly Nazione 2014” è un riconoscimento che ogni anno viene attribuito al produttore di ogni Paese che ha ottenuto il maggior punteggio calcolato dalla somma delle valutazioni riferite ai migliori tre vini e che l'azienda di Cellino San Marco torna ad aggiudicarsi dopo la vittoria del 2007 e del 2009.

«La Puglia diventa così la regina dei vini italiani. Un riconoscimento importante per la nostra cantina e per l’intero sistema vinicolo nazionale». È il commento di Angelo Maci, presidente di Cantine due Palme. «Ci apprestiamo, così, a vivere un Vinitaly con ancor più carica ed energia nella consapevolezza che il lavoro di questi anni è stato un bagaglio di esperienze, professionalità e passione che pian piano porta i suoi frutti. Ricevere un premio, vincere un concorso è il riconoscimento finale che chiude un lavoro che coinvolge l’intera filiera: dalla vigna sino alla distribuzione. E il mio grazie, nell’anno in cui la Cantina celebra i suoi 25 anni dalla fondazione, va davvero a tutti quelli che hanno contribuito al successo di questo angolo di Salento, tutti i 1200 soci e i collaboratori che mi sono sempre stati al fianco. Venticinque anni fa siamo partiti da zero, quello che oggi abbiamo costruito è il frutto di sacrifici che abbiamo condiviso, affrontato e superato sempre insieme».

Un fatto importante, unico, nell’ambito di un concorso di assoluta severità e serietà che sino ad oggi ha premiato, con il conferimento di prestigiose medaglie, solo il 2% dei vini che hanno partecipato alla selezione. E di queste 73 medaglie ben cinque sono state conferite a Cantine Due Palme, un numero mai raggiunto sino ad oggi da una singola azienda.

Quest’anno la valutazione tra i 3000 vini pervenuti alla segreteria del concorso, valutati in forma anonima, è stata effettuata da  21 commissioni  di valutazione, ognuna composta da 5 membri, di cui due enologi italiani (nominati dall’Associazione Enologi Enotecnici Italiani), un enologo straniero e due giornalisti o esperti di fama internazionale selezionati da Veronafiere e dall’ ICE . Le commissioni sono state presiedute dal direttore generale di Assoenologi, Giuseppe Martelli che è anche presidente del Comitato Nazionale Vini del Ministero delle politiche agricole italiano.

Un inizio sicuramente esaltante per Cantine Due Palme che si appresta a vivere anche quest’anno un Vinitaly decisamente interessante.

Fonte: comunicato stampa.
Ultima modifica ilMercoledì, 02 Aprile 2014 13:25

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.