Log in

I TERRITORI CROLLANO TRA MALA GESTIONE E IL MALTEMPO

I TERRITORI CROLLANO TRA MALA GESTIONE E IL MALTEMPO I TERRITORI CROLLANO TRA MALA GESTIONE E IL MALTEMPO

E LE AMMINISTRAZIONE NON HANNO RISORSE PER RIPRISTINO E MANUTENZIONE. E C’È CHI PROPONE DI AFFIDARE QUESTO COMPITO, DIETRO COMPENSO, ALLE AZIENDE AGRICOLE CHE HANNO I MEZZI E IL KNOW HOW PER FARLO


Ogni pioggia più abbondante del normale, in Italia, da anni, porta disastri. Lo raccontano le cronache passate e presenti. Colpa di politiche e di gestioni poco lungimiranti del passato sicuramente, e anche del cambiamento climatico, probabilmente. Fatto sta che oggi, spesso, la risposta delle istituzioni e delle amministrazioni è: “non ci sono risorse economiche”. 

Eppure la necessità di ripristinare e manutenere il territorio, soprattutto in campagna, è ineluttabile. E allora perché non affidare questo compito, dietro compenso, con sinergie virtuose tra pubblico & privato, alle aziende agricole, che hanno i mezzi e il know how per farlo? In alcuni casi, in realtà, già accade, per fortuna, che imprese virtuose guardino al di là del proprio recinto. Ma sono eccezioni. E se diventasse la regola? Qualche associazione di categoria, a livello locale, lo ha già proposto, tentando di mettere in piedi delle iniziative strutturate. Ma visto che i questi giorni, anche sulla scia dell’attualità e dei disastri causati dal maltempo, il dibattito è tornato anche su questioni come la legge contro il consumo del suolo, l’occasione potrebbe essere quella giusta per rilanciare su scala più ampia.


fonte: winenews.it

Ufficio Stampa Vinoway > Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.