Log in

A Serrapetrona un gemellaggio di solidarietà tra le Vernacce

A Serrapetrona un gemellaggio di solidarietà tra le Vernacce torvergata.it
Un quarto di secolo dopo la sigla del primo accordo le Camere di Commercio di Macerata, Siena e Oristano firmano un nuovo patto di collaborazione. Un’occasione per aiutare la viticoltura sarda a rialzarsi dopo la tragica alluvione. La cerimonia prevista per il 18 dicembre segna anche l’inaugurazione della Wine-Christmas-Week di Macerata.
Sono passati 25 anni esatti dalla firma del primo patto tra i territori che producono tre gioielli dell’enologia italiana. Era il 1988 quando a Siena i presidenti delle Cciaa della città toscana, di Macerata e di Serrapetrona s’incontrarono per siglare il gemellaggio delle Vernacce.
Un evento unico nel mondo del vino italiano, unico come i vini uniti da questo vincolo di amicizia, dove le collaborazioni tra territori sono rarissime. Un quarto di secolo dopo per impulso del presidente della Camera di Commercio di Macerata dottor Giuliano BIANCHI questo gemellaggio viene rinnovato e rafforzato. Lo rende necessario il mutato scenario economico, lo nobilita il fatto che Siena e Macerata si stringono in solidarietà con Oristano così duramente colpita dalla recentissima, tragica alluvione che ha messo in ginocchio la preziosa vitivinicoltura di quella terra di Sardegna, lo impone il desiderio comune di salvaguardare e promuovere questi tesori della nostra migliore agricoltura in un momento in cui scarsa è l’attenzione alle cosiddette produzioni di nicchia.
Le tre Vernacce: di San Gimignano, di Serrapetrona e di Oristano hanno infatti profili diversissimi eppure comuni bisogno, hanno profili sensoriali i più lontani possibili eppure primati comuni. Com’è possibile? Perché le tre Vernacce nascono dalla storia e da territori preziosi che tuttavia hanno oggi bisogno di tutela, di comprensione e di narrazione. Proprio questo è lo scopo del gemellaggio: costruire un’azione comune perché, pur nel rispetto delle diversità, questi tre territori che producono tre vini unici possano avere una voce sola nel rivendicare il lor giusto protagonismo.

Questo sarà l’impegno e l’augurio che i presidenti delle tre Cciaa di Macerata, Siena e Oristano si scambieranno il 18 dicembre quando nel palazzo Comunale di Serrapetrona alle 16 Giuliano Bianchi (Macerata), Massimo Guasconi (Siena) e Pietrino Scanu (Oristano) firmeranno, accompagnati da delegazioni istituzionali e di operatori della vitivinicoltura, a u quarto di secolo dalla prima la seconda pergamena che riconferma e rafforza il gemellaggio delle Vernacce. Al termine della cerimonia sarà offerta una degustazione di Vernaccia di Serrapetrona Docg spumante sia nella versione secca che i quella dolce di Colli di Serrapetrona Doc vini fermi a base di Vernaccia Nera.

Ma il gemellaggio delle Vernacce è anche l’occasione per un viaggio alla scoperta dei vini del maceratese e delle meravigliose terre da cui nascono. Un gruppo di giornalisti composto dai più accreditati tra i winewriter italiani accompagnerà le delegazioni il 19 e 20 dicembre alla scoperta del Verdicchio di Matelica, del Vino Coto di Loro Piceno, dei vini dei Colli Maceratesi oltreché delle produzioni agricole d’eccellenza: l’extravergine di oliva, il formaggio, il miele dei Sibillini, le paste da grani antichi di questa provincia che dette i natali a Nazzareno Strampelli lo scienziato che ha cambiato la cerealicoltura nazionale.

Fulcro di questo tour è la Civica Enoteca Maceratese, la casa dell’eccellenze enogastronomiche della provincia, voluta dalla Cciaa di Macerata, affidata alla gestione dell’azienda speciale camerale Exit presieduta da Luca Bartoli, in collaborazione con Comune e Provincia. Qui saranno allestite degustazioni di tutti i vini e di tutti i prodotti d’eccellenza maceratesi.
Con il gemellaggio delle Vernacce prende avvio la Wine-Christmas-Week voluta dalla Cciaa di Macerata per promuove i vini maceratesi e gli altri prodotti di eccellenza in raccordo con la scoperta e la valorizzazione del territorio.

La Wine-Christmas-Week si svolgerà dal 20 al 22 dicembre a Macerata con un programma molto articolato che prevede – come momenti salienti – l’inaugurazione il 20 dicembre alle ore 18 all’interno della Civica Enoteca Maceratese in Corso della Republica, (per informazioni è possibile telefonare al numero 0733234399; o scrivere una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o visitare il sito www.enotecamaceratese.it) con l’esposizione dei vini maceratesi e una sessione speciale dedicata al vino cotto. Sabato (21 dicembre) dalle 17 stand di degustazione aperti con una sessione dedicata ai produttori di Serrapetrona. Alle 18 ci sarà la presentazione del nuovo libro che la CCIAA ha dedicato ai vini maceratesi alla presenza dell’autore: Carlo Cambi che sarà accompagnato dal direttore dell’Istituto Marchigiano di Tutela Andrea Mazzoni e dall’enologo Roberto Potentini in questo viaggio per emozioni, sensazioni e parole nelle terre da vino maceratesi . Domenica (22 dicembre) doppio appuntamento. Dalle 10 alle 13 stand aperti e sessione speciale dedicata al Verdicchio di Matelica con il CIAS (Centro di analisi sensoriale di Matelica, una delle istituzioni tecnico/scientifiche più prestigiose nel panorama nazionale) che presenterà le proprie attività oltre al volume dedicato alle Docg e alle Doc maceratesi. Nel pomeriggio i sommelier dell’AIS (Associazione Italia Sommelier) dalle 17 alle 20 guideranno alcune degustazioni verticali dei vini maceratesi mentre ci sarà l’incontro con i produttori di olio extravergine d’oliva, miele, birre e distillati.

Fonte: cronachemaceratesi.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.