Log in

Nasce la linea “Morsi&Pizze di Puglia” ideata dal geogastronomo Sandro Romano

Nasce la linea “Morsi&Pizze di Puglia” ideata dal geogastronomo Sandro Romano Nasce la linea “Morsi&Pizze di Puglia” ideata dal geogastronomo Sandro Romano
La Pizza come espressione gastronomica di un territorio

Può la pizza essere una delle tante espressioni gastronomiche di un territorio? Certamente sì, perché la pizza, pur essendo la più popolare pietanza della cucina napoletana, è diffusa in ogni luogo ed è diventata, nel tempo, uno dei più conosciuti simboli della cucina italiana nel Mondo. Nata come street food, si trasforma in cibo slow, da gustare in compagnia e abbinando gli ingredienti più vari. Dalla “Marinara” alla “Margherita”, dalla “Romana” alla “Capricciosa” (le classiche) si è passati a pizze che sposano armoniosamente i prodotti del territorio in cui vengono preparate. Se una volta le pizzerie avevano in carta non più di una decina di varianti, oggi si è arrivati a menù con 50, 60, 100 varietà di pizze con abbinamenti di materie prime più inusuali, come funghi, tartufo, ortaggi, salumi e formaggi freschi, stagionati e anche spalmabili.

Utilizzando farine di cereali diversi dal grano, oppure di legumi, si sono sperimentate, con buon successo, nuove associazioni di ingredienti, che hanno reso più varia l’offerta e particolarmente gradevole il momento della scelta.

Certo è, però, che tutto questo non sarebbe sufficiente ad ottenere una pizza di qualità. Il pizzaiolo deve essere un professionista preparato, capace di governare le lunghe lievitazioni che porteranno al migliore risultato di leggerezza e digeribilità, senza “pompare” gli impasti con sovraccarichi di lievito.

Spessa o sottile, con il “cornicione” o senza, la vera differenza la fa un buon impasto, e la bravura manuale del pizzaiolo insieme a ingredienti di eccellenza faranno il resto. Come in tutte le cose di qualità, anche per la pizza non esistono scorciatoie, ma, se si parte da queste regole imprescindibili, ecco che la pizza diventa cibo gourmet, sposando, in ogni regione, i prodotti e le ricette locali.

Ed è proprio con questo intento che il 20 novembre, a Molfetta, presso la pizzeria “Il Vecchio Gazebo” di Pino Petruzzella e Mimmo Piccininni, conosciuta in tutta la provincia per la qualità delle sue proposte, sarà presentata dall’Ass. culturale LaCompagniaDellaLungaTavola, fra gli eventi di “Mordi la Puglia”, la nuova linea “Morsi&Pizze di Puglia”, firmata dal geogastronomo Sandro Romano, nella quale le pizze si ispireranno alle ricette della tradizione e alle meravigliose materie prime che la Puglia offre.

Il 20 novembre prossimo, quindi, alle ore 21, ben 18 nuove pizze (15 + 3 pizze dessert) saranno testate da un panel di giornalisti enogastronomici, e, dal giorno dopo, andranno già ad arricchire la variegata offerta de “Il Vecchio Gazebo”, fiore all’occhiello nel panorama della pizza pugliese. Successivamente altre pizzerie di Qualità, selezionate col massimo rigore e con un criterio di equilibrata diffusione territoriale, potranno entrare nel circuito “Morsi&Pizze di Puglia”.

La giornalista e beer expert Manila Benedetto consiglierà gli abbinamenti con birre artigianali.

Per accreditarsi e partecipare al tasting prenotare al 339.6314601, indicando la testata giornalistica di riferimento.

fonte: UFFICIO STAMPA C.L.T.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.