Log in

Confermato: a scegliere la bottiglia di vino sono etichetta e occhi

Confermato: a scegliere la bottiglia di vino sono etichetta e occhi ladigetto.it
Alla Fondazione Mach seminario internazionale di marketing su packaging ed etichetta.
Come diciamo da anni, l’etichetta è il volto del vino e la scelta di una bottiglia non è fatta con il palato, bensì con lo sguardo.
Anche secondo Bruno Läng, psicologo dell'Università di Oslo, intervenuto oggi alla Fondazione Edmund Mach nell’ambito del seminario sul marketing del vino, la scelta di una bottiglia è fortemente condizionata dalla grafica dell'etichetta.
Molto meno dalle informazioni che la stessa etichetta contiene.
Il consumatore è disposto a pagare di più per più estetica e la parte sinistra di quest’ultima è osservata di più, come accade per il volto umano.
Inoltre, le fissazioni oculari sull’immagine grafica e il nome del vino costituiscono più della metà del tempo di osservazione.

La comunicazione dell’etichetta è il tema centrale del seminario «Come comunicare il vino sullo scaffale e sulla tavola» organizzato dal Centro istruzione e formazione di San Michele all’Adige in collaborazione con Winejob e introdotto dal dirigente Marco Dalrì e dal responsabile dell’area post-secondarie universitaria, Massimo Bertamini.
«Attraverso la tecnica di studio dei movimenti oculari – ha spiegato Bruno Läng – possiamo fare una analisi accurata di ciò che cattura l’attenzione offrendo così, nuovi strumenti di ricerca per il mondo del vino.»

L'intervento di Läng presenta uno studio il cui obiettivo era chiarire, con l’uso di metodi e procedure della psicologia cognitiva, cosa determina il successo (estetico o commerciale) di una etichetta da vino.
La comprensione di quali elementi visivi determinano l’abilità di una particolare etichetta di attrarre l’attenzione, comunicare informazione relative al vino, e guidare la decisione d'acquisto.
Una ricerca che si avvale del metodo chiamato «eye-tracking», cioè la registrazione di tracciati oculari e risposte pupillari.
Tale metodo potrebbe potenzialmente migliorare il processo stesso di sviluppo creativo del prodotto design e la selezione delle etichette più efficaci.

Il seminario ha trattato vari temi, dalla percezione visiva, memoria ed emozioni guardando un’etichetta di vino, alla ideazione e definizione di un’etichetta efficace sullo scaffale e sulla tavola, la presentazione di una serie di ricerche sulla scelta del vino da parte del consumatore, le nuove frontiere del marketing digitale come nuovo canale di comunicazione diretto e innovativo col cliente, come definire un’etichetta e renderla efficace.
Sentendo Armando Corsi, senior Research Associate at the Ehrenberg-Bass Institute for Marketing Science dell’Institute for Marketing Science, si scopre che la maggior parte degli acquisti di vino, ma anche altre di altre categorie di prodotto, seguono la legge scientifica della double jeopardy, in base alle quale i brand piccoli soffrono il doppio dei brand più grandi.

Secondo Simonetta Doni dello studio Doni &Associati il nome di una etichetta deve essere facile, memorizzabile, pertinente, bella sonorità e pronunciabile anche all'estero.
La grafica invece deve essere semplice, memorizzabile, immediata, essere sinergica con il nome e accattivante.

Michele Drusian, marketing manager di Luce della Vite, ha parlato del caso Luce della Vite, l’unicità di un vino nato nel 1995 dalla visione di Vittorio Frescobaldi e di Robert Mondavi e i suoi successivi sviluppi.
Un progetto di successo costruito grazie a un costante impegno qualitativo a tutti i livelli, dal processo produttivo alla coerenza delle attività di branding e di comunicazione.

Spazio poi a tre giovani trenini under trenta: Riccardo Avanzi , Camilla Bernardi e Simone Campara che hanno sviluppato Winenot, la prima app che insegna a degustare giocando; basta avere uno smartphone e un calice di vino.
Silvia Allegrini, infine, con l’illustrazione di due casi aziendali: Palazzo della Torre e Grola, sul tema etichetta efficace illustrando lo sviluppo del packaging.
Nell’ambito del seminario sono stati consegnati gli attestati ai nuovi 21 esperti di wine export management.

Fonte: ladigetto.it
Ultima modifica ilMartedì, 12 Novembre 2013 07:27

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.