Log in

Bertani, Biondi Santi e Fino - Amarone, Brunello e Primitivo al top

Bertani - Biondi Sarti - Fino Bertani - Biondi Sarti - Fino
Solo 3 vini ottengono il risultato di eccellenza dalle cinque guide principali (Bibenda, l'Espresso, Gambero Rosso, Touring e Veronelli). Sarebbero invece undici escludendo il Touring che considera solo vitigni autoctoni. Sono 1.619 i vini che hanno almeno una segnalazione al top. Veronelli la guida che ne classifica di più al massimo


Veneto, Toscana e Puglia in vetta sulle guide enologiche 2014. Mettendo a confronto in maniera ponderata i giudizi d’eccellenza delle principali guide specializzate, sono solo 3 i vini che le hanno messe tutte d’accordo, ricevendo il massimo dei punteggi: l’Amarone della Valpolicella Classico 2006 di Bertani, il Brunello di Montalcino Riserva Tenuta Greppo 2007 di Biondi Santi (una sorta di omaggio postumo al "re" del Brunello scomparso nei mesi scorsi) e il Primitivo di Manduria Es 2011 di Gianfranco Fino. Sono i vini che hanno ricevuto il massimo grado di valutazione sulle guide di Gambero Rosso (“3 bicchieri”), l’Espresso (“5 bottiglie”), Touring club italiano (“Corona”), Bibenda-Ais (“5 grappoli”) e Veronelli (“Super 3 Stelle”). Lo scorso anno la vetta della classifica virtuale elaborata da Italiaatavola.net era occupata dal Passito di Pantelleria Ben Ryé 2010 di Donnafugata (che quest'anno ha ricevuto solo 3 giudizi di eccellenza su 5) e dall’Amarone della Valpolicella Classico 2005 di Bertani (che conferma la sua posizione la vertice).

Ma va fatta una precisazione: la guida ViniBuoni d’Italia del Touring club, a differenza di tutte le altre guide, prende in esame soltanto vini da vitigni autoctoni. Tutti quelli che qui risultano esclusi, però, hanno ricevuto in alcuni casi il massimo del punteggio su tutte e 4 le altre guide. Pertanto è da prendere in considerazione anche una classifica comparata che non comprenda la guida del Touring: in questo caso, al vertice della classifica ci sarebbero ben 11 vini a pari merito, invece di 3.

Gli altri 8 vini sul gradino più alto del “podio” virtuale sarebbero: Franciacorta Cuvée Annamaria Clementi 2005 di Ca’ del Bosco; Cervaro della Sala Umbria Bianco 2011 di Castello della Sala; Franciacorta Brut Collezione Esclusiva Giovanni Cavalleri 2005 di Cavalleri; Bolgheri Superiore Grattamacco 2010 di ColleMassari; Il Caberlot 2010 de Il Carnasciale; Barbaresco Rabajà 2010 di Rocca Bruno-Rabajà; Bolgheri Sassicaia 2010 di San Guido; Barolo Villero Riserva 2006 di Vietti.

Sono 1.619 i vini che su almeno una delle guide 2014 hanno ricevuto il massimo punteggio. La guida Veronelli è quella che ha attribuito il maggior numero di giudizi d’eccellenza: 576 “Super 3 Stelle”.

Nel compilare la tabella comparativa delle guide, Italiaatavola.net ha adottato un alto grado di precisione per quei vini che hanno ricevuto 4 giudizi di eccellenza su 5. Ha infatti considerato anche le valutazioni al di sotto dell’eccellenza di uno o due “gradi” (grappoli, bottiglie, stelle, bicchieri o corone), riuscendo così a delineare anche la seconda posizione del “podio”, che ospita 5 vini (Verdicchio dei Castelli di Jesi Classico Riserva Villa Bucci 2010 di Bucci; Franciacorta Cuvée Annamaria Clementi 2005 di Ca’ del Bosco; Roccamonfina Rosso Terra di Lavoro 2011 di Galardi; Brunello di Montalcino Riserva 2007 di Poggio di Sotto-ColleMassari; Soave Classico Le bine de Costiola 2011 di Tamellini), e la terza posizione, che ne conta 13 (Valtellina Sfursat Fruttaio Ca’ Rizzieri 2009 di Aldo Rainoldi; Montefalco Sagrantino 25 Anni 2009 di Arnaldo Caprai; Greco di Tufo Vigna Cicogna 2012 di Benito Ferrara; Cervaro della Sala Umbria Bianco 2011 di Castello della Sala; Franciacorta Brut Collezione Esclusiva Giovanni Cavalleri 2005 di Cavalleri; Bolgheri Superiore Grattamacco 2010 di Colle Massari; Falerno del Massico Rosso Etichetta Bronzo 2010 di Masseria Felicia; Il Caberlot 2010 de Il Carnasciale; Toscana Rosso Cepparello 2010 di Isole e Olena; Barbaresco Rabajà 2010 di Rocca Bruno-Rabajà; Bolgheri Sassicaia 2010 di San Guido; Trebbiano d’Abruzzo 2011 di Valentini; Barolo Villero Riserva 2006 di Vietti).

Su un piano di curiosità geografica, la regione che ha ricevuto più segnalazioni al massimo dei punteggi è il Piemonte con 330 vini, seguita dalla Toscana con 309 e dal Trentino-Alto Adige con 142. Da segnalare che per i vini del Lazio l'Espresso non ha indicato nessun punteggio di eccellenza.

Di seguito l'elenco delle eccellenze ricevute dalle singole regioni, in ordine alfabetico:

Abruzzo 54
Alto Adige 95
Basilicata 15
Calabria 19
Campania 74
Emilia Romagna 34
Friuli Venezia Giulia 116
Lazio 23
Liguria 20
Lombardia 79
Marche 63
Molise 5
Piemonte 330
Puglia 42
Sardegna 37
Sicilia 75
Toscana 309
Trentino 47
Umbria 48
Valle d'Aosta 17
Veneto 117

fonte, foto e tabella comparativa: italiaatavola.net
Ultima modifica ilMercoledì, 16 Ottobre 2013 14:16

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.