Log in

Parte vendemmia da 42 mln ettolitri

Vendemmia ansamed.info Vendemmia
La produzione 2013 sarà destinata per oltre il 40% ai 331 vini Doc e ai 59 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), il 30% ai 118 vini Igt e il restante 30% a vini da tavola.

Produzione ''di buona qualità'' attorno ai 42 milioni di ettolitri, in aumento del 3% rispetto allo scorso anno. Sono le previsioni della Coldiretti per la vendemmia 2013, in occasione della raccolta dei primi grappoli di uva nell'Oltrepò Pavese e in Franciacorta. ''Saranno decisive le prossime settimane ma dopo anni, per i tempi si è tornati alla normalità - dice Coldiretti - per effetto di un andamento climatico che ha favorito una ottima maturazione delle uve''. Il 40% sarà Doc.

La produzione 2013 sarà destinata per oltre il 40% ai 331 vini Doc e ai 59 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), il 30% ai 118 vini Igt e il restante 30% a vini da tavola.

La produzione di vini bianchi quest'anno - seconda la Coldiretti - dovrebbe superare leggermente quella dei rossi. Con l'inizio della vendemmia prende il via un sistema economico che genera in Italia oltre 9 miliardi di fatturato solo nella vendita del vino e che da occupazione a 1,2 milioni di persone. 

La vendemmia 2013 - dice la Coldiretti - coinvolgerà 650mila ettari di vigne e oltre 250mila aziende vitivinicole dando opportunità occupazionali nelle aziende, nella distribuzione commerciale, nelle attività dell'indotto. Secondo una ricerca di Coldiretti, per ogni grappolo di uva raccolta si attivano ben 18 settori lavorativi, dall'industria di trasformazione al commercio, dal vetro per bicchieri e bottiglie alla lavorazione del sughero per tappi, continuando con trasporti, enoturismo, cosmetica, bioenergie e altro. 

Con la vendemmia 2013 l'Italia diventa - sostiene la Coldiretti - il secondo produttore mondiale di vino dopo la Francia in cui la produzione è stimata pari a 46 milioni di ettolitri in aumento del'11% sul 2012. Al terzo posto la Spagna seguita dagli Stati Uniti e dalla Cina che è in forte crescita anche nei consumi. La geografia del vino e' in profonda mutazione: in Italia il consumo è sceso nel 2012 al minimo storico, ad appena 22,6 milioni di ettolitri, rispetto ai 29 milioni di ettolitri bevuti negli Stati Uniti e ai 30,3 milioni di ettolitri della Francia che detiene il primato mondiale mentre in Cina sono stati versati ben 18 milioni di ettolitri. Oltre la metà del fatturato realizzato dal vino della vendemmia 2013 arriverà dalle vendite sui mercato estero.

fonte e foto: ansamed.info

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.