Log in

Consorzio Vino Chianti: d'estate può essere servito fresco

Chianti servito fresco in estate. intoscana.it Chianti servito fresco in estate.
Servirlo fresco, ad una temperatura di servizio di 16 gradi. Nuova tendenza per il Chianti rosso in questa stagione estiva.

"La regola è una sola: la temperatura - spiega il Consorzio toscano - che deve essere corretta come il clima che si trova in cantina". Sembrava un tabù invece è diventata la tendenza dell'anno: bere il vino rosso anche d'estate è un'idea lanciata dal Consorzio Vino Chianti che con il suo progetto "Chianti fresco: gustalo a 16 gradi" ha sdoganato la presenza dei nettari rossi sulle tavole estive.

A 16 gradi, precisano gli enotecari ed esperti nella mescita, si apprezzano la gradevolezza, freschezza di profumi e aromi che si sprigionano quando si sorseggia un calice di Chianti durante l'estate. Tante le vinerie coinvolte nel progetto, che hanno ricevuto per l'occasione il kit rinfresca vino, un cappottino targato Chianti per mantenere o per raggiunger la regolare temperatura di servizio. 

"Quando si parla di Chianti, si parla di storia e tradizione ma anche di innovazione - sottolinea il presidente del Consorzio Chianti, Giovanni Busi - questo è un nuovo modo di bere il Chianti che crediamo e speriamo possa rivoluzionare l'approccio al consumo dei vini rossi durante l'estate".

fonte e foto: intoscana.it

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.