Log in

Vinitaly, presentato il rapporto sui 50 anni delle Doc italiane

Nel 1963 è stata varata dal Governo italiano la normativa sui vini a denominazione di origine. Sulla base della normativa entrata in vigore cinquant’anni fa è nato, un anno dopo, come organismo del Ministero dell’agricoltura, il Comitato nazionale vini con mansioni propositive e deliberative su tutti i vini designati con nome geografico.



È stato presentato, in occasione del Vinitaly, il rapporto, curato dal Presidente del Comitato Nazionale vini DOP e IGP, Giuseppe Martelli “1963/2013, 50 anni di Doc italiane”.

Nel 1963, esattamente cinquant’anni fa infatti, è stata varata dal Governo italiano la normativa sui vini a denominazione di origine. Un traguardo raggiunto dopo anni di confronti e discussioni che hanno avuto origine dalla proposta, avanzata nel 1921 alla Camera da Arturo Maresclachi, fondatore dell’attuale Assoenologi, del primo progetto di riconoscimento dei “Vini tipici”; tale proposta, convertita in legge nel 1930, ma mai entrata in vigore perché mancante dei regolamenti attuativi, ha creato un vuoto legislativo risolto soltanto nel 1963 con il varo dello storico Dpr 12 luglio 1963 n.930. Sulla base della normativa entrata in vigore nel ’63, è nato un anno dopo, come organismo del Ministero dell’agricoltura, il Comitato nazionale vini con mansioni propositive e deliberative su tutti i vini designati con nome geografico.

Da allora le Dop italiane registrate sono arrivate a quota 403, di cui 330 Doc e 73 Docg, mentre le Igp sono 118. In particolare la prima denominazione di origine riconosciuta dal comitato è stata la “Vernaccia di San Gimignano” nel 1966.

Dopo mezzo secolo il dibattito sulle denominazioni è ancora aperto, indiscussa è invece il l’importanza che questi riconoscimenti rivestono in ambito europeo, rappresentando i vertici della classificazione e qualificazione dei vini; fondamentale è poi il lavoro svolto negli anni dal Comitato.

Il rapporto presentato a Vinitaly, ripercorrendo la storia del Comitato nazionale vini e delle denominazioni di origine italiane, racchiude i dati relativi alla produzione vitivinicola italiana e l’elenco aggiornato di tutti i riconoscimenti italiani. Il testo completo si può scaricare dal sito del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali cliccando qui.

Fonte: aiol.
Ultima modifica ilLunedì, 15 Aprile 2013 10:34

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.