Log in

ENOTURISMO E PUGLIA: OPPORTUNITÀ E SVILUPPO

Si è tenuto  a Bari il seminario dal titolo “ENOTURISMO E PUGLIA: OPPORTUNITÀ E SVILUPPO”, organizzato dal  Consorzio Movimento Turismo del Vino Puglia in collaborazione con l'assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia.

Folta la partecipazione da parte dei giovani, molti dei quali interessati a un futuro professionale nel campo dell'enoturismo e che hanno colto questa opportunità per confrontarsi con alcuni fra i massimi esperti nazionali dei diversi settori, dal mondo della ricerca universitaria a quello del giornalismo, dal comparto della produzione a quello istituzionale.

I risultati della Puglia – ha dichiarato l’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia DARIO STEFÀNO - raccontano la  scelta ambiziosa di fare il salto di qualità trasformandoci da fornitori di semilavorato (uve e mosti) per altre filiere regionali a produttori di etichette pugliesi, realizzate in una innovata filiera regionale e capaci di imporsi sui mercati grazie all’eccellenza dei contenuti. Strategica è stata la scelta di investire sui vitigni
autoctoni che rappresentano il segno distintivo di quella che è la nostra identità, profondamente legata al territorio e quindi capace di raccontare conlinguaggio unico la dimensione di una tradizione antica.

Abbiamo navigato sulla rotta della qualità: nel 2009 la Puglia ha vinificato in qualità solo il 21 % delle sue uve, nel 2012 abbiamo raggiunto il 60%.Una rotta che abbiamo accompagnato con scelte parallele: penso, solo per stare a 2 esempi, al Concorso dei vini rosati o  alle misure del Piano Nazionale di Sostegno 2012 per la ristrutturazione dei vigneti. Per citare dei dati: oltre 1.000 domande di aiuto da parte dei produttori, di cui 200 presentate da giovani con meno di 40 anni di età, per un importo complessivo di risorse superiore ai 26 milioni di euro. Cioè: 2.000 ettari di vigneti in corso di ristrutturazione o riconversione, con esclusivo inserimento di vitigni autoctoni quali Primitivo, Negroamaro e Fiano; Un lavoro che ci porta ormai ad affermare che il vino in Puglia rappresenta ormai un asset su cui misuriamo un percorso di crescita anche in ottica enoturistica ed agrituristica o, più in generale, di attrazione territoriale.

Di assoluto prestigio il parterre degli ospiti: il prof. TEODORO MIANO, dell'Università degli Studi di Bari, SEBASTIANO DE CORATO, presidente del Consorzio Movimento Turismo del Vino Puglia_, _MONICA LARNER, responsabile per l'Italia della rivista Wine Enthusiast, ALESSANDRO REGOLI direttore della testata giornalistica Winenews, DONATELLA CINELLI COLOMBINI, fondatore del Movimento Turismo del Vino, MAGDA ANTONIOLI CORIGLIANO, docente del Master in Turismo dell'Università Bocconi di Milano, ANTONIO SECCIA, docente di Economia Agroalimentare dell'Università degli Studi di Bari, DARIO STEFÀNO, assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia. Moderatore il giornalista CARLO CAMBI, tra i massimi esperti di enogastronomia in Italia e anche noto volto televisivo grazie alla partecipazione alla trasmissione televisiva “La Prova del Cuoco” (Rai1).

Interessante anche il dibattito che si è svolto dopo gli interventi dei relatori, con le preziose testimonianze di operatori del settore del calibro della prof.ssa LEA IAIA (Università del Salento) VITO CECERE (AIS Puglia), ENZO SCIVETTI (Onav Puglia), LEONARDO PALUMBO (Assoenologi Puglia, Basilicata e Calabria) e VITTORIA CISONNO (MTV Puglia).

Dopo il prestigioso riconoscimento giunto dalla rivista internazionale “WINE ENTHUSIAST”, che l'ha inserita nella _top__ __world__ __wine__ __destinations__ 2013, _la Puglia diventa così un esempio di nascita ed evoluzione di un fenomeno che coinvolge un numero crescente di imprese, operatori, appassionati del settore.

“La Puglia negli ultimi anni ha conosciuto una incredibile ascesa, non solo come destinazione turistica, ma anche nel settore vitivinicolo - afferma DONATELLA
CINELLI COLOMBINI – fondatrice del Movimento Turismo del Vino. L'unione di questi due fattori ha reso questa regione una delle nuove mete enoturistiche mondiali. Da qui il conseguente riconoscimento da parte della rivista Wine Enthusiast. Cavalcando l'onda di questo successo e in termini occupazionali, sono due le figure professionali sulle quali puntare per promuovere il nostro vino e tutto il territorio: il sommelier e la guida enoturistica. Il primo è
diventato ormai un narratore, un interprete, un attore di un territorio.

Questo lo tramuta in una figura fondamentale per le strategie di marketing territoriale. Altra figura è l'eno-guida che ha il compito di trasformare in esperienza "unica" la visita in cantina. Da qui il successivo passo: trasformare il wine lovers in promoter del luogo visitato che poterà a ricercare sul mercato i vini di quel particolare territorio. Puntare su queste nuove figure che comunicano la forza di una destinazione enoturistica è fondamentale soprattutto se si tiene
presente che l'Italia è leader nel mondo per varietà di vitigni autoctoni.”

Uno dei dati che conferma l’alto livello raggiunto dal brand Puglia è il notevole incremento del numero degli studenti della Facoltà di Agraria di Bari, oltre al sensibile aumento della produzione di vino di qualità reso possibile soprattutto grazie all’impegno dei produttori e alle politiche di sostegno poste in atto dalla Regione Puglia in favore della qualificazione del sistema produttivo. La Puglia, inoltre, negli ultimi tre anni ha visto crescere i primi insediamenti di nuovi
imprenditori agricoli, in particolare di giovani donne e uomini con meno  di quarant'anni. La scelta di “Wine Enthusiast” rappresenta dunque
uno stimolo a proseguire sulla via della qualità, confrontandosi dignitosamente con le altre eccellenze individuate dalla rivista:
Monterey-California USA, Rioja-Spagna, Willamette Valley-Oregon USA,
Long Island NY USA, Douro-Portogallo, Hunter Valley-Australia,
Danube-Austria, Stellenbosch–Sud Africa, Val de Vinhedos-Brasil.

Unica in Italia a meritare il prestigioso titolo, la Puglia ha ideato una serie di iniziative di promozione e valorizzazione che di svolgeranno nell'arco del 2013.

Tra queste l'indagine statistica condotta dallo staff della prof. Magda Antonioli dell'UNIVERSITÀ BOCCONI DI MILANO in collaborazione con il Movimento Turismo del Vino Puglia. Rivolta a un ampio campione di aziende vitivinicole della regione, essa ha l'obiettivo di far emergere punti di forza e margini di miglioramento di questo specifico segmento, valutando di conseguenza possibili azioni in favore del comparto. Un ritratto attendibile della Puglia enoturistica, che intende descrivere l’evolversi degli aspetti sociali, degli stili di vita, del costume, evidenziando il cambiamento delle abitudini dei turisti, dei loro
bisogni e capacità economiche.

Altra iniziativa di rilievo sono i ROAD SHOW A MILANO E A ROMA, dove per tutto il mese di febbraio le bottiglie di Primitivo, Nero di Troia e Negroamaro saranno in bella vista nelle principali enoteche che, per l'occasione, organizzeranno anche laboratori sensoriali e degustazioni guidate da autorevoli esperti. I road show saranno l'occasione per portare i vini e gli oli extravergini di Puglia direttamente nei luoghi più frequentati dagli appassionati di buona tavola, invitandoli a scoprirne le peculiarità e soprattutto a scegliere la Puglia come prossima meta di viaggio.

Di grande appeal anche l'iniziativa rivolta ai lettori americani: un CONCORSO promosso attraverso la rivista “Wine Enthusiast”, che potranno divertirsi a rispondere a cinque quesiti relativi alla Puglia partecipando così all'estrazione del premio finale: un meraviglioso viaggio per due persone nei luoghi più suggestivi dell'enoturismo pugliese, fra cantine, masserie fortificate, resort d'eccellenza. Il concorso sarà ampiamente promosso attraverso vari canali come il portale di Wine Enthusiast winemag.com (175mila visitatori unici al mese), la rivista cartacea (200 mila lettori circa), gli abbonati alla news letter (250 mila) e i principali strumenti di social networking. I dettagli relativi al concorso saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà nell'ambito della manifestazione fieristica Bit a Milano-Rho il prossimo 15 febbraio.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.