Log in

Scamarcio bio-agricoltore, restare legati a madre terra

Non solo per cibo ma per riscoprire emisfero spirituale...
"Dobbiamo tornare ad avere un rapporto con la natura, con la terra. Non solo per mangiare ma anche per riscoprire il nostro emisfero spirituale, emotivo''.

Lo ha detto l'attore Riccardo Scamarcio, alla Scuola Sant'Anna di Pisa partecipando alla seconda giornata del convegno sulla Nutraceutica, la scienza che studia gli effetti benefici del cibo sulla salute, promosso dalla Scuola stessa insieme all'Universita', alla Scuola Nomale e al Cnr di Pisa.

Scamarcio, intervenuto nelle vesti di agricoltore bio, si e' presentato ''non come esperto, bensi' come amante dell'agricoltura di una volta, quella che coccolava le piante e le curava senza ricorrere all'uso di fitostimolatori e diserbanti per aumentare la produzione''. ''Non sono uno scienziato - ha aggiunto - ma semmai sono qui per dare risalto, visibilita' a questa ricerca condotta dalla Scuola Sant'Anna che spiega come alcuni cibi possono in qualche modo integrare i farmaci nella cura delle persone''.

L'attore cura da tempo un pezzo di terra in Puglia: ''E' il mio buen retiro - ha concluso - ma anche un modo per riflettere su me stesso e non farmi risucchiare in questa sorta di rivoluzione antropologica che ci allontana dalle radici per catapultarci in un mondo mediatico e frenetico che alla fine rischia solo di spersonalizzarci. E poi il mio sogno da bambino era quello di fare l'attore o il contadino: riesco a fare entrambe le cose, quindi sono molto fortunato. Anche grazie a Gennaro, un signore settantenne che mi aiuta a curare la terra quando non posso farlo io direttamente''.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.