Log in

La Sicilia di qualità si svela al SIAL di Parigi

Dal 21 a 25 ottobre una delegazione di aziende siciliane rappresenterà l'eccellenza del sistema agro-alimentare del’isola nel più importante Salone internazionale. Tipicità, qualità e territorio gli elementi distintivi della Sicilia al SIAL 2012.

La Sicilia agroalimentare di qualità, con le sue tradizioni millenarie e la tipicità dei territori di riferimento delle diverse aree di produzione agricola ed alimentare, sarà presente al SIAL di Parigi, presentando una selezione di prodotti e di aziende che hanno voluto condividere il progetto di promozione, realizzato ad hoc per l'importante manifestazione fieristica,  finanziato con la Misura 331  "Formazione e Informazione" del Programma di Sviluppo Rurale 2007 - 2013 della Regione Siciliana - Assessorato alle Politiche Agricole ed Alimentari della Regione Siciliana. Il motto scelto dall'organizzazione per presenza della Sicilia è quello "Coltiviamo sviluppo" ovvero la capacità di individuare nel lavoro in agricoltura e nella trasformazione delle materie prime in prodotti dell'agroalimentare di qualità in principale asse di sviluppo della Sicilia rurale e contadina. Un agricoltura antica quanto l'uomo, quella della Sicilia, chiamata oggi a misurarsi su mercati sempre più competitivi e lontani ma che ha, nella sua posizione geografica, in piena fascia solare, e nella sua civiltà contadina, dei valore aggiunti importanti da comunicare nel mondo,  a buyers, operatori e consumatori finali. Le aziende espositrici saranno, infatti, coinvolte in una serie di degustazioni/incontri dedicati alla stampa e agli operatori commerciali, all'interno delle due diverse aree realizzate nella HALL8 della grande Fiera parigina, ospitata dal 21 al 25 ottobre, nei padiglioni del Paris Nord Villepinte.

Questo importante appuntamento, che si svolge a cadenza biennale, rappresenta per i produttori siciliani una nuova opportunità di confronto e incontro, di conferme e di nuove promettenti prospettive. Il SIAL infatti, per prestigio e per qualità delle relazioni commerciali che vengono stabilite, costituisce una delle tappe più importanti nel processo di internazionalizzazione del settore agroalimentare siciliano. A coordinare la delegazione delle diverse aziende siciliane rappresentative dei comparti di qualità dell’isola (enologia, olivicoltura, apicoltura  e produzione casearia) è il Dipartimento interventi Infrastrutturali  dell’Assessorato Regionale alle Risorse Agricole e Alimentari.  “La Sicilia – commenta Dario Cartabellotta, direttore del Dipartimento Interventi Infrastrutturali dell’Assessorato Alle Risorse Agricole e Alimentari –deve far emergere il suo ruolo centrale all’interno della Food Valley del Mediterraneo svelando quella grande condizione strutturale che ha contribuito alla  formazione delle sue eccellenze produttive: la biodiversità e le variegate tradizioni  produttive, costruite sulle differenti influenze culturali, che nel corso dei secoli hanno saputo forgiare una qualità produttiva riconosciuta in tutto il mondo. Negli ultimi anni il rigore produttivo verso l’eccellenza unito alla voglia di valorizzare le identità di ogni singolo territorio produttivo, hanno costituito quel mix vincente che ha fatto del brand Sicilia sinonimo di alta  qualità.  Il futuro del comparto agroalimentare – conclude Cartabellotta - passa anche dall’internazionalizzazione e dalla promozione di “questi talenti” che al SIAL troveranno sicuramente  una vetrina capace di far accrescere la percezione di questo valore in tutto il mondo”.

L’edizione 2012 del SIAL si preannuncia già  importante sotto il profilo dei numeri: oltre 6000 espositori provenienti da 106 paesi (l’Italia seconda nazione per partecipazione, dopo la Francia). Nella precedente edizione, inoltre, è stata registrata la presenza di oltre 140.ooo i visitatori e decisional marker: cifre che mettono in evidenza l’importanza strategica della campionaria parigina verso l’export e non solo per i paesi dell’Unione Europea. Sono sempre più, infatti, e con una sempre rinnovata volontà di affermare un ruolo di primo piano per nell’economia dell’isola,  le aziende siciliane che scommettono su eventi legati all’export, investendo le proprie risorse su strategie di commercializzazione e comunicazione progettate e mirate sui mercati esteri. Una tendenza orientata non più solo verso i vicini mercati europei, ma anche aperta ai mercati delle economie ora emergenti che nel SIAL trovano un naturale punto di incontro.

Dal 21 al 24 ottobre dalle ore 12.30 alle 14.00 presso lo stand dell’Assessorato alle Risorse Agricole e Alimentari saranno organizzati dei momenti di degustazione dei prodotti delle aziende siciliane presenti al SIAL.

Le Aziende presenti:

Tenuta Gorghi Tondi - Cantine Patria – Brugnano - Valdibella - Limonio  - Fenech – Alicos – Bonanno – Boform - Latte Puccio  - Apificio Giulio Vitale

Posizione: Hall8 stand D010  e D026 (spazio riservato alle degustazioni)

Fonte: comunicato stampa.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.