Log in

Primo Concorso Enologico Nazionale Vini Rosati

DI ANTONELLA BRIGLIA. Si è concluso sabato, 21 aprile presso l’Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci di Bari, la fase di selezione del  1° Concorso Enologico Nazionale (Edizione 2012) Vini Rosati d’Italia.
L’apertura dei lavori (il taglio) è stata affidata all’Assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Dario Stefàno, e al Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola.

“Era doveroso per la Puglia, storicamente vocata alla produzione dei rosati, rendersi protagonista di una iniziativa di altissimo profilo che non ha precedenti nella storia dei concorsi nazionali dedicati all’enologia di qualità. Una così significativa partecipazione di cantine ed etichette in rappresentanza di pressoché tutte le filiere vitivinicole regionali italiane - ha sottolineato l’assessore Stefàno - è la conferma di aver centrato l’importante obiettivo che ci eravamo dati: restituire protagonismo al Vino Rosato.”

La Regione Puglia, in questo contesto, ha curato la parte amministrativa stabilendo il Regolamento, mentre il controllo di tutte le operazioni previste nell’intera realizzazione dell’iniziativa è stato effettuato dall’avvocato Prosperini, estraneo al settore vitivinicolo, così come stabilito dall’Articolo 3 dello stesso.

La parte tecnica è stata curata dall’associazione di categoria AssoEnologi, con la selezione degli Enologi e con la valutazione dei campioni in gara. Ogni vino è stato degustato da due commissioni, quindi avrà in totale 10 voti; nella valutazione finale verranno scartati il più alto e quello più basso.

In totale le commissioni sono state 8 e tutte nominate a sorteggio dall’Avvocato Prosperini (legale rappresentante del Concorso). La loro composizione prevedeva un giornalista o esperto del settore vitivinicolo italiano o straniero (nominato dall’Ente promotore) e da 4 enologi /enotecnici esperti provenienti da ogni regione d’Italia (selezionati dall’Associazione Enologi Enotecnici Italiani).

In base a quanto stabilito dal Regolamento, le categorie dei vini che hanno partecipato al Concorso sono state le seguenti:

-        Vini Tranquilli rosati a denominazione di origine (DOP);

-        Vini Tranquilli rosati a indicazione geografica (IGP);

-        Vini Frizzanti rosati a denominazione di origine (DOP);

-        Vini Frizzanti rosati a indicazione geografica (IGP);

-        Vini Spumanti rosati a denominazione di origine (DOP);

-        Vini Spumanti di qualità rosati.

Saranno premiati i primi tre migliori vini per ciascuna delle sei categorie previste dal Concorso, rispettivamente con Medaglia d’Oro, Medaglia d’Argento e Medaglia di Bronzo. La Regione Puglia, inoltre, si impegna ad affiancare le aziende vitivinicole lungo il percorso della produzione e commercializzazione, come previsto nella mission del concorso. I vini vincitori potranno beneficiare di azioni di promozione in Italia e all’estero da attuare dopo la pubblicazione ufficiale della graduatoria.

La premiazione finale si svolgerà il 5 Maggio c.a. ad Otranto, in provincia di Lecce, nell’ambito di un convegno sui Vini Rosati, alla presenza di personalità di alto livello istituzionale e scientifico del settore.

Per gli amanti dei numeri si ricorda:

-        372 vini giunti a concorso;

-        31 campioni sono stati eliminati ancor prima di essere degustati perché non ritenuti idonei dalla commissione;

-        288 le aziende che hanno inviato i propri campioni;

-        18 regioni (escluse le regioni di Valle d’Aosta e Liguria con una entità produttiva quasi nulla) partecipanti;

-        341 campioni degustati e valutati;

-        3.410 schede compilate;

-        48.340 giudizi parziali;

-        3.600 bicchieri lavati e utilizzati;

-        29 bottiglie riaperte (4,3% del totale).
Ultima modifica ilLunedì, 23 Aprile 2012 07:44

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.