Log in

Fusto e tralci

Il fusto corrisponde all'asse principale di accrescimento (porzione epigea).

Dimensioni

Le dimensioni del fusto sono nell'ordine della decina di centimetri, per quanto riguarda il diametro, a qualche metro riferendosi alla lunghezza.

Tuttavia esistono dei casi dove la vite può vegetare anche in modo considerevole e raggiungere dimensioni notevoli.

Aspetto esteriore e sviluppo dei tralci

Il tronco è formato da una parte basale,detta ceppo, che normalmente ha una lunghezza di qualche decimetro dipendente dal tipo di allevamento adottato. Esso si si divide in branche, le quali portano i rami di 1 o 2 anni, detti tralci.

Ceppo e branche sono ricoperti da una corteccia squamosa(ritidoma) che si sfalda longitudinalmente. Il fusto è verticale ma può avere diversa inclinazione a seconda della forma di allevamento. Le ramificazioni sono chiamate germogli o pampini quando sono erbacee, tralci quando sono lignificate e sarmenti quando sono staccati dalla pianta dopo la potatura. Se derivano da rami di un anno sono chiamate cacchi e polloni se derivano da legno vecchio. I tralci sono costituiti da nodi e internodi (o meritalli) in numero e lunghezza variabile.

Il tralcio di due anni presenta alla base un ingrossamento a guisa di cercine. La superficie è rugosa, squamosa e con gemme molto vicine. Lungo il tralcio si trovano le foglie e alla base del picciolo ci sono le gemme. A partire dal 2° e 3° nodo, sul lato opposto rispetto alle foglie si trovano i grappoli e i viticci (cirri). Quest'ultimi sono normalmente discontinui eccetto in alcuni casi (per es. la vitis lambrusca), dove sono presenti sul lato opposto di ogni foglia. I grappoli e i viticci sono organi omologhi, che si formano nello stesso modo. Molto spesso abbiamo la presenza di un organo intermedio(filatura dei grappoli).

Sui nodi adiacenti alla foglie si sviluppano delle gemme di stagione che danno origine alle femminelle le quali a loro volta possono originare delle sottofemminelle. Entrambe possono portare dei grappoli che, nella maggior parte dei casi, ad eccezion fatta per i paesi a clima caldo, non riescono a raggiungere la maturazione.

Colore

Il colore del fusto è normalmente brunastro più o meno scuro tipico della corteccia legnosa. I tralci sono inizialmente verdi e in alcune specie americane possono avere delle sfumature rossastre o violacee. Con la loro maturazione (fine estate) i tralci assumono un colore via via più scuro passando da erbacei a legnosi.