Log in

Acari

Ragnetto giallo

Questo acaro rappresenta un’avversità preoccupante. In caso di attacco precoce i giovani germogli presentano piccole aree necrosate, nodi ravvicinati, foglie deformate e irregolari ricoperte di punti necrotici. La crescita dei giovani tralci è irregolare e in caso di forti attacchi si arresta.

 

Cocciniglie farinose

Gli attacchi sulle viti sono saltuari. Si sviluppano in vigneti con fitta vegetazione con scarsa luminosità e circolazione d’aria consentendo ristagni di umidità, generando quindi un microclima favorevole alle cocciniglie che colonizzano tralci, ceppi e anche grappoli.

Antispila Sp.

È un micro lepidottero minatore la cui larva, che vive all’interno della foglia (mesofillo),  in età adulta ritaglia i bordi dell’epidermide fogliare per formare un “fodero” che gli servirà successivamente per compiere una nuova generazione. L’insetto interessa la zona che và dal Trentino al Coneglianese ed è attualmente allo studio nella sua biologia, dall’Università di Padova.

La Tripide

La tripideLa tripide vive quasi esclusivamente a spese delle viti, maggiormente su quelle americane ma si può trovare pure sulle piante arboree usate come tutore del vigneto. Le numerose punture di nutrizione sono distribuite uniformemente su tutta la superficie fogliare. Su queste lesioni vengono deposte le uova.

Cicalina della flavescenza dorata

Negli stadi giovanili attacca le nervature, mentre in forma adulta succhiano la linfa dalle nervature, piccioli fogliari e tralci erbacei senza produrre gravi danni. Lo Scaphoideus titanus è molto pericoloso per il suo ruolo di vettore del micoplasma della flavescenza dorata(FD), che trasmette dopo un buon periodo di alimentazione su piante infette.

Metcalfa

MetcalfaÈ una specie dannosa alle viti che essendo polifaga si trova anche su molte piante da frutto, ornamentali, arboree, erbacee e arbustive. L’insetto colonializza la pagina inferiore delle foglie, germogli, tralci e grappoli ricoprendoli con le sue secrezioni cerose- zuccherine, sulle quali si sviluppa poi un’abbondante fumaggine.

Cicalina gialla

Cicalina giallaLa cicalina gialla con le sue punture asporta il succo e i pigmenti clorofilliani delle cellule generando la formazione di una moltitudine di chiazze puntiformi biancastre. In caso di forti attacchi l’intera pagina fogliare si presenta disseminata di numerose aree depigmentate con riduzione dell’attività fotosintetica.

Nottula fimbriata

Le larve compiono danni saltuari soprattutto nei vigneti di collina nel periodo che va tra l’ingrossamento delle gemme al germogliamento.

Cicalina verde

L’insetto sottrae linfa ai vasi conduttori del picciolo, dei tralci verdi e soprattutto dalle nervature principali delle foglie provocando la necrosi della parte marginale del lembo. Nei casi più gravi si ha defogliazione più intense sulla base dei tralci e all’interno della vegetazione.