Log in

Glera o Prosecco

Il Prosecco è un notissimo vitigno ad uva bianca, quasi il simbolo della moderna viticoltura veneta, forse già esistente in epoca romana e coltivato soprattutto nella nostra regione e nel Friuli-Venezia Giulia, più raramente in Lombardia. Benché associato indissolubilmente ai Colli Trevigiani, il Prosecco non vi è affatto originario e forse non vi arrivò prima del 1700 (Calò, Costacurta, 2004). Secondo Cosimo Villifranchi (1773), il vitigno provenne dal Triestino, forse prendendo il nome dal paese omonimo, ed era forse identificabile col Puxinum.
Esistono diversi biotipi che, da quanto emerso da recenti ricerche (Calò 1999), sarebbero riconducibili a due vitigni distinti e denominati Prosecco lungo e Prosecco tondo.

Sinonimi

Per il prosecco: prosecco bianco, glera, serpina, prosecco nostrano.
Per il prosecco lungo: non vi sono sinonimi.

Zone di coltivazione

Diffusa in particolar modo nei comuni della Marca Trevigiana, ma presente in tutto il Veneto e Friuli Venezia Giulia. La zona in cui questo vitigno ha dei risultati migliori è senz’altro la zona di Valdobbiadene-Conegliano e nei Colli Asolani.

I principali vini di qualità prodotti con questo vitigno

DOCG Conegliano-Valdobbiadene Prosecco
DOCG Colli Asolani Prosecco Superiore
DOC Prosecco

Esigenze ambientali

Preferisce terreni collinari, non troppo asciutti in zone protette da eventuali gelate primaverili.

Esigenze colturali

Preferisce forme di allevamento a contro spalliera o derivate. In particolare a “Capuccina” e “Guyot” a potatura lunga invernale.
A causa della vigoria vegetativa necessita anche di potature estive.

Resistenza alle malattie

Resiste bene al marciume acido, mentre ha una maggiore sensibilità all’oidio e peronospora.
Sensibile ad acinellatura e colatura in annata sfavorevoli.
Sensibile agli acari, cicaline e tignole.

Resistenza alle avversità

Poco resistente alla brinate primaverili.

Attitudine enologica

Particolarmente adatto alla spumantizzazione.

Sul vino

Da un vino di colore giallo paglierino, fresco, fruttato e floreale.

Ultima modifica ilLunedì, 25 Aprile 2011 18:18
  • Germoglio: apice del germoglio espanso, di colore bianco, cotonoso con lievi sfumature rosee
  • Foglia: adulta grande, pentagonale, trilobata
  • Grappolo: medio-grande, piramidale allungato, alato (due ali), spargolo.
  • Acino: medio, sfreroidale con buccia pruinosa, sottile ma abbastanza consistente, di colore giallo dorato, leggermente punteggiato.
  • Germogliamento: Precoce
  • Fioritura: Precoce
  • Invaiatura: Media
  • Maturazione: Media
  • Portamento: Postratto
  • Vigoria: Alta
  • Fertilità potenziale: Alta
  • Fertilità basale: Bassa
  • Zuccheri: 16-18
  • pH: 3,2-3,3
  • Acidita: 7,5-9
  • Antociani: -
  • Polifenoli: -
  • Buccia/Vinaccioli: -
  • Coordinates: -
  • LatLng: 12.06118616399951,45.86986141898841,0
Altro in questa categoria: « Garganega Turca »