Log in

Neretto

I vitigni denominati Neretto rappresentano in Piemonte forse uno dei casi più complessi di omonimia. Con il nome "Neretto", infatti, la letteratura del secolo scorso (o quella ancora più antica) indicava un ben nutrito gruppo di coltivazioni distinte per la loro provenienza che si affermarono nelle zone viticole piemontesi marginali, generalmente quella della fascia collinare prealpina.

Sinonimi

Neret cit (per la dimensione dell'acino) , neretto di Cavaglià (a Dorzano),  neretin (a Strambinello), neretto (a Gattinara), vermiglia in alcune zone del Vercellese e del Novarese.

Zone di coltivazione

Viene coltivato soprattutto nel Canavese, in molte località piuttosto estesamente. Troviamo questo vitigno anche a Gattinara e zone limitrofe.

I principali vini di qualità prodotti con questo vitigno

- DOC Canavese
- DOC Pinerolese e Valsusa

Esigenze colturali

Vigore vegetativo veramente elevato, adatta alle forme di allevamento alte ed espanse, come le pergole canavesane. Ha l'inconveniente di propagarsi con difficoltà, producendo rari ricacci, anche se vigorosi. Malgrado la compattezza, il grappolo marcisce difficilmente e l'uva arriva sana alla raccolta.

Attitudine enologica

Oggi viene vinificato unitamente ad altre uve nere locali.

Sul vino

- Vino poco colorato.
- Non molto alcolico
- Di pronta beva.


Immigini e fonte: www.regione.piemonte.it

Ultima modifica ilLunedì, 25 Aprile 2011 18:19
  • Germoglio: apice bianco verdastro, cotonoso; foglioline apicali spiegate, con bordi revoluti, di colore bianco giallastro; foglioline basali a bordi revoluti, di colore verde biancastro appena bronzate, inferiormente poco lanuginose; tratto apicale a pastorale (cioè fortemente ricurvo).
  • Foglia: medio-grande o grande, pentagonale, intera o a tre lobi ben distinti (con seni laterali ampi e profondi); lembo a profilo piano e margini revoluti con superficie piuttosto bollosa; denti mediamente pronunciati (base ed altezza all'incirca equivalenti) a margini rettilinei o convessi; seno peziolare mediamente aperto (circa 2 cm), a U; la pagina inferiore ha lembo aracnoideo o poco lanuginoso e nervature setolose, soprattutto all'intersezione.
  • Grappolo: grande ed allungato, piramidale (alcune ali brevi ed estremità apicale appuntita), compatto; peduncolo lungo.
  • Acino: piccolo, sferoidale, con buccia spessa, molto pruinosa, di colore blu-nero.
  • Germogliamento: Media-Precoce
  • Fioritura: Media-Precoce
  • Invaiatura: Precoce
  • Maturazione: Media
  • Portamento: Postratto
  • Vigoria: Alta
  • Fertilità potenziale: Alta
  • Fertilità basale: Alta
  • Zuccheri: -
  • pH: -
  • Acidita: -
  • Antociani: -
  • Polifenoli: -
  • Buccia/Vinaccioli: -
  • Coordinates: -
  • LatLng: 7.790677898793534,45.37173284933561,0
Altro in questa categoria: « Freisa Erbaluce »