Log in

DOCG Moscato di Scanzo

  • Scritto da 
  • Pubblicato in DOCG
DOCG Moscato di Scanzo DOCG Moscato di Scanzo DOCG Moscato di Scanzo

Questa zona DOCG è la più piccola d' Italia e presenta una supeficie vitata di appena 31 ettari. Il vitigno coltivato è il moscato di Scanzo da cui si ottiene un vino passito "raro" ,un piccolo gioiello dell' enologia italiana.

La produzione di questo vino prevede la raccolta e la selezione manuale delle uve raccolte e l'appassimento per un periodo non inferiore ai 21 giorni su graticci disposti in locali areati e asciutti. Infine il vino ottenuto dovrà essere affinato almeno per due anni su contenitori di vetro o altri idonei, purchè non siano di legno.

DOCG Moscato di Scanzo:

  • Colore:rosso ribino con tonalità che vanno verso l' aranciato dopo un buon periodo di affinamento.
  • Profumi:aromatico con sentori di rosa secca, marmellata di futta rossa, salvia, liquirizia, cannella, chiodi di garafano.
  • Sapore:morbido, buona struttua, ottima persistenza aromatica. Note amarognole finali.
  • Abbinamenti: torta di granotirco, fave dei morti, pasticceria secca in generale.
  • Abbinamenti regionali: polenta e osei dolce.
Ultima modifica ilSabato, 25 Settembre 2010 09:57
  • Zona di produzione: limitata a una porzione del Comune di Scanzorosciate (Bg)
  • Vitigni: moscato di Scanzo (90%).
  • Resa: 7 t/ha
  • Titolo alcolometrico minimo: 17 %.
  • Affinamento: 2 anni.
  • Epoca di consumo consigliata: 25 anni.
  • Ulteriori tipologie: -
Altro in questa categoria: DOCG Sforzato di Valtellina »