Log in

Storia della viticoltura piemontese

Storia della viticoltura del PiemonteL’origine dei vigneti Piemontesi può essere ricondotta ai Greci che scaricarono anfore, barbatelle e talee nei porti liguri e penetrarono nel territorio.
In epoca romana la viticultura infatti risultava già fiorente.

Con la caduta dell’impero Romano con le invasioni di Goti e Borgognoni, nonostante le numerose devastazioni, la viticoltura piemontese continuò ad espandersi.
Nel Medioevo si assiste ad una viticoltura molto efficiente e da varie scritture si apprende della presenza del vitigno “Nebbiolo” con allevamento a Spanna.  Questo tipo di allevamento che consiste nella vite maritata a palo secco e potatura corta, diventerà sinonimo, nel novarese, del  vitigno “Nebbiolo” così coltivato.
Negli anni successivi si assiste all’affermarsi delle viticoltura nelle colline piemontesi e alla comparsa di numerosi vitigni che saranno la base del patrimonio vitivinicolo di questa regione.