Log in

L' ambiente pedoclimatico della Toscana

Ambiente pedoclimatico della Toscana- Estensione: 22.993 kmq.
- Montagna: 25%.
- Collina: 66,5%.
- Pianura: 8,5%.
- Regioni confinanti:Liguria,Emilia-Romagna,Marche,Umbria e Lazio
- Isole: Capraia,Pianosa,Elba,Montecristo,Giglio,Giannutri.

Terreno

La conformazione morfologica del territorio toscano è molto complessa in quanto si alternano zone montuose e collinari, bacini intermontani e lembi di pianura.

  • Nord ovest: zona delle Alpi Apuane che sono di origine calcarea e dolomitica.
  • Preappennino toscano: zona di sfaldamento di origine vulcanica dove prevalgono terreni metalliferi con la presenza di arenarie, argille e tufi.
  • Zone centrali: prevalgono terreni formati da rocce a scaglie con spigoli vivi (galestro), arenarie, argille e sabbie.

Fiumi e laghi

I fiumi toscani hanno portate irregolari e sono prevalentemente a regime torrentizio e sono: Reno, Santerno, Lamone, Marecchia, Foglia, Arno, Tevere, Magra, Serchio, Cecina, Ombrone.

Clima

Il clima è mediamente temperato anche se vi è una grande variabilità in funzione della distanza dalla costa, dell’altitudine e dalla disposizione dei rilievi.
Nella fascia più vicina al mare e nella parte collinare vi sono temperature miti in inverno e fresche in estate. Mano a mano che ci avviciniamo agli appennini abbiamo un incremento delle escursioni termiche giornaliere fino a giungere in zone montane dal clima continentale.
Le stagioni più piovose sono la primavera e l’autunno.
La neve e le nebbie le troviamo solamente nelle zone di montagna.